Agli anziani le mascherine pericolose: sequestrati 100.000 pezzi nelle case di riposo

Martedì 13 Aprile 2021 di Mauro Favaro
Maxi sequestro di mascherine irregolari da parte della Guardia di Finanza di Gorizia
1

TREVISO Oltre 100mila mascherine non conformi, non sufficientemente filtranti, nelle case di riposo della Marca. La Guardia di Finanza di Gorizia ha disposto il sequestro di milioni di dispositivi di protezione (di 12 diverse tipologie) distribuiti in tutta Italia dalla struttura commissariale per l'emergenza Covid. E oltre 100mila tra quelli appartenenti ai lotti bloccati erano state date in dotazione proprio alle strutture per anziani del trevigiano. Azienda Zero ha comunicato a tutti centri di sospendere immediatamente l'uso di queste mascherine. Adesso si sta procedendo all'individuazione dei dispositivi. Una volta riportati nei magazzini, sarà la stessa Azienda Zero a ritirarli per dar corso al sequestro.

LE CONTESTAZIONI Stando alle analisi effettuate sui primi lotti sequestrati, le mascherine in questione non sono abbastanza filtranti. Anzi, in alcuni casi la capacità filtrante è risultata essere addirittura dieci volte inferiore rispetto a quanto dichiarato. Con conseguenti rischi per il personale sanitario, medici, infermieri e operatori, che le aveva utilizzate nella falsa convinzione che potessero garantire un'adeguata protezione contro il virus. Il fronte delle case di riposo resta delicatissimo. Le vaccinazioni anti-Covid hanno ridotto i rischi. Ma non si può abbassare la guardia, hanno ribadito a più riprese i vertici dell'azienda sanitaria.

ANZIANO DECEDUTO Uno degli ultimi focolai è esploso nella struttura per anziani Casa Amica di Fregona. Sabato è mancato un ospite di 70 anni con un quadro clinico già compromesso che era risultato positivo. La casa di riposo è la stessa del caso che ha coinvolto Ivan Da Ros, il dottore di 65 anni, medico di famiglia a Cappella Maggiore e Fregona, che non si era vaccinato contro il coronavirus e che l'Usl ha denunciato, oltre alla segnalazione all'Ordine dei medici di Treviso, perché avrebbe continuato a lavorare nella struttura pur sapendo di essere positivo. Attraverso il suo avvocato, il diretto interessato ha sempre smentito di essersi comportato in questo modo. In ogni caso, l'Usl aveva annunciato che il medico, adesso negativizzatosi, non sarebbe tornato in casa di riposo in attesa della decisione del collegio arbitrale di Venezia, fissato per il 21 aprile, sulla richiesta dell'azienda sanitaria di rompere la convenzione come dottore di base.

RITORNO IN SERVIZIO Nei giorni scorsi, invece, Da Ros è tornato normalmente a prestare servizio in Casa Amica. «Non è stata notificata nessuna sospensione spiega l'avvocato Barnaba Battistella di conseguenza era doveroso tornare al lavoro. In caso contrario sarebbe stata un'assenza ingiustificata». Intanto il focolaio esploso nella casa di riposo di Fregona si sta ridimensionando. Ad oggi sono solo due gli anziani ancora positivi. Senza particolari sintomi. I test in programma per il 15 aprile potrebbero sancire l'azzeramento dei contagi.

ALLA CASA DEL CLERO Nelle ultime settimane anche la Casa del Clero di Treviso ha dovuto confrontarsi per la prima volta con un focolaio da coronavirus. Lo screening eseguito alla fine di marzo aveva evidenziato il contagio di un'infermiera che non si era vaccinata. Di seguito è emersa la positività di due sacerdoti, ai quali erano già state somministrate entrambe le dosi di Pfizer. Il contagio si è poi allargato arrivando a colpire cinque persone. E due sacerdoti purtroppo non ce l'hanno fatta. Dopo Piero Confortin, 92 anni, ieri mattina è mancato anche don Pietro Mozzato, 93 anni. Il primo era stato parroco per 65 anni, metà dei quali trascorsi a Mogliano. Proprio oggi verrà celebrato il funerale in Duomo. Mentre don Pietro Mozzato era stato per 44 anni parroco di Vetrego di Mirano (Venezia), dal 1971 al 2015, dopo un passaggio a Castello di Godego. «È stata una presenza bella, serena e gioviale nella Casa del Clero ricorda il direttore, monsignor Maurizio De Pieri una volta all'anno si prendeva ferie dalla parrocchia e girava il mondo. E nell'ultimo periodo in Casa del Clero intratteneva gli altri confratelli con i suoi racconti di viaggio». 

Ultimo aggiornamento: 11:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA