Sabato 23 Marzo 2019, 19:22

Disperati alla Stanga, a caccia di cibo nei cassonetti attorno ai ristoranti

PER APPROFONDIRE: cassonetti, fame, padova, stanga
La ricerca di cibo nei cassonetti alla Stanga

di Marco Aldighieri

PADOVA Patatine fritte, resti di hamburger, pezzi di pane, verdure e noccioline. Cibo, tanto, gettato a terra vicino ai cassonetti dell’immondizia di via Venezia. È quello che rimane sull’asfalto dopo l’assalto dei senzatetto. A estrarlo dai bidoni dei rifiuti, dopo l’una di notte, sono decine di disperati e affamati. Africani, tossicodipendenti, ma anche un papà romeno disoccupato e incapace di dare sostentamento ai propri figli. Questo angolo buio di umanità aspetta l’ora di chiusura di ristoranti e fast food, come Mcdonald’s, Old Wild West e anche un kebab, per aprire i sacchi neri pieni di avanzi di cibo. Un fenomeno che negli ultimi due mesi si è dilatato, costringendo sia i residenti e sia i ristoratori a segnalare il problema al Comune. 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Disperati alla Stanga, a caccia di cibo nei cassonetti attorno ai ristoranti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 29 commenti presenti
2019-03-27 14:11:50
poco distante in via Tommaseo ci sono le cucine per i poveri dove possono mangiare gratis, al pulito e li vicino fare anche una doccia. Non vedo perche' frugare nei cassonetti. Probabilmente sono alla ricerca di qualche cosa da rivendere
2019-03-25 08:21:31
e si che in Africa c'è tanta di quella terra coltivabile..... una mia zia suora missionaria a Nairobi dal 1933 al 1977, le rare volte che veniva a trovarci, mi raccontava di come viveva e diceva: purtroppo gli africani non hanno voglia di lavorare, dobbiamo fare tutto noi, ma al convento non possiamo mantenerli tutti. sono passati anni ed anni, èd è cambiato solo in peggio.
2019-03-24 23:34:41
questi articoli lasciano il tempo che trovano...qui a Udine per i senzatetto c'è il Fogolar e altre strutture,dove il bisognoso può accedervi per dormire con tanto di lenzuola pulite farsi doccia e cena e colazione,per il pranzo c'è la mensa Caritas,per la merenda Le Sorelle della Carità che distribuiscono panini imbottiti pasta verdura cotta,se poi uno ha tempo ci sono le borse spesa gratis,si rischia di di ritrovarsi con più chili di quando si aveva un lavoro,questi citati dal giornale presumo siano gli irrecuperabili ovvero quelli che rifiutano qualsiasi tipo di aiuto.
2019-03-24 21:39:49
mi sembra una buffonata questa foto io ho lavorato fino a poco tempo fa per il sociale non ce bisogno di andare per cassonetti in cerca di mangiare ci sono le cucine economiche tanto per citarne una che anche se non hai soldi ti danno da mangiare le parrocchie le mense gestite dai sevizi sociali ecc ecc
2019-03-24 18:10:47
Mentre noi manteniamo gli spacciatore nei centri di accoglienza,,,,strana questa Italia