Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il sofà progettato da Gloria Trevisan, morta nel rogo delle Grenfell Tower, premiato a un concorso mondiale

Il designer Paolo Demel, che aveva contattato la giovane prima della sua partenza per Londra, ha presentato il divano al "A' Design Award & Competition in Furniture Design”

Lunedì 27 Giugno 2022 di Redazione Web
Gloria Trevisan e Marco Gottardi

PADOVA - Se fosse qui starebbe festeggiando. A cinque anni dalla sua morte, un progetto realizzato da Gloria Trevisan, morta nell'incendio delle Grenfell Towers di Londra con il fidanzato Marco Gottardi, si è classificato secondo al concorso mondiale "A' Design Award & Competition in Furniture Design”. Paolo Demel, designer padovano, aveva contattato Gloria poco prima che partisse per Londra, apprezzandone la creatività. E dopo la sua morte ha promesso che il progetto di quel sofà così particolare non sarebbe stato dimenticato.

Il sofà di Gloria

A raccontare l'incredibile storia è il presidente della Regione Veneto Luca Zaia con un post su Facebook: «In pochi forse sanno che esiste un prodotto che ricorda il talento di Gloria Trevisan, la ragazza di Padova morta insieme al fidanzato veneziano Marco Gottardi nel terribile incidente alla Grenfell Tower di Londra, nella notte del 14 giugno 2017 - scrive Zaia - Giovane in gamba, con uno spiccato talento per il disegno, Gloria - 7 anni fa, prima di partire per Londra - viene contattata dal designer Paolo Demel, classe 1991, anche lui padovano, che ha l’idea di progettare un sofà particolare. La sera in cui lo stesso Paolo va a ritirare i disegni nella pizzeria dove lavora Gloria, rimane profondamente colpito dall'umiltà e semplicità della giovane, così modesta da chiedergli una cifra troppo irrisoria per il lavoro realizzato. Per Paolo si trattava di una prestazione professionale da retribuire secondo più equi parametri. Per questo le dà il doppio della cifra. Succede poi che Gloria parte con il fidanzato Marco per l'Inghilterra. Durante l’esperienza londinese i due continuano a sentirsi per sviluppare il progetto del divano. Il 10 giugno 2017 è lei stessa a scrivere: “Paolo rientro in Italia la settimana prossima, quando torno ti prometto che ci vediamo così mi racconti del progetto”. Ma, 4 giorni dopo, tutti i giornali nazionali e internazionali trasmettono la notizia che la Grenfell Tower, torre di 24 piani, nel corso della notte ha preso fuoco. E Gloria e Marco, che allora si trovavano al 23° piano, risultano dispersi. Della notizia della morte dei due giovani veneti, Paolo, come tutti noi, rimane particolarmente scosso». Ma Demel decide di non fermarsi. «Il giorno del funerale promette a Gloria che non si sarebbe fermato e che avrebbe presentato quel progetto nel 2020 al concorso mondiale “A' Design Award & Competition in Furniture Design” - continua Zaia - Ebbene, a quella gara il designer padovano arriva secondo, vincendo il premio d’argento, premiato da ben 220 giudici provenienti da tutto il mondo che hanno creduto nell’idea. Oggi quel divano si chiama “Gloria”, proprio in onore a Gloria Trevisan, ai sogni che questa giovane ragazza portava con sé, al suo talento, che grazie anche al ricordo di Paolo e di tutti noi resterà. Fino alla fine».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci