Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Canali inquinati a Padova, divieto di avvicinarsi: per i trasgressori multe fino a 500 euro

I corsi d'acqua restano navigabili ma non si può sostare vicino alle golene nè pescare

Mercoledì 3 Agosto 2022 di Alberto Rodighiero
Canali in secca a Padova

PADOVA - I canali cittadini sono troppo inquinati: scatta il divieto di pesca e di avvicinarsi alle rive, in vigore anche un giro di vite nei confronti di chi porta da mangiare alle colonie feline che si trovano spesso lungo le golene e dare il pane alle anatre davanti alla Specola. Nel mirino del Comune finiscono anche una trentina di scarichi sospetti.

La situazione

Nonostante le ultime piogge abbiano alzato in maniera significativa fiumi e canali in città, l'emergenza siccità (e quella legata alle zanzare) non registrano battute d'arresto. A testimoniarlo è l'ordinanza che, ieri pomeriggio, è stata licenziata dal palazzo Moroni, decisa durante la riunione dell'Unità di crisi sulla siccità a cui hanno partecipato i rappresentati di Comune, Provincia, Arpav, Ulss 6 e Consorzio Bacchiglione. «L'ordinanza - ha premesso ieri il vicesindaco, Andrea Micalizzi - riguarda solamente i canali interni alla città. Non sono compresi invece Bacchiglione, Scaricatore, San Gregorio e il proseguimento del Piovego sul Brenta». Nello specifico il dispositivo, che sarà in vigore fino al 22 ottobre, riguarderà il canale Alicorno, il San Massimo, il Santa Chiara, il Tronco Maestro e il tratto del Piovego compreso tra porte Contarine e Ca'Nordio. Ma che cosa ha indotto l'amministrazione ad adottare un provvedimento che non ha precedenti nella storia recente della città? «I prelievi fatti da Arpav hanno evidenziato la presenza di elementi tipici degli scarichi fognari o dovuti alla decomposizione dei pesci - ha detto ancora il numero due di palazzo Moroni - proprio per questo abbiamo dovuto intervenire». Durante questi prelievi, che sono stati effettuati in collaborazione con la Polizia locale, sono stati anche individuati circa 30 scarichi anomali. «Su questi saranno fatte delle verifiche - ha puntualizzato Micalizzi - non è detto che si tratti di scarichi abusivi, ma vanno fatti degli approfondimenti che richiederanno un po' di tempo».

I divieti

Ma, nello specifico, cosa prevede la nuova ordinanza? In primis, non sarà più possibile avvicinarsi ai corsi d'acqua che, in tutti i casi, rimangono navigabili. Sarà vietato anche pescare e utilizzare l'acqua dei canali per l'irrigazione di fiori e piante. Vietato anche l'accesso alle aree golenali per fare sport. I proprietari dei palazzi che si affacciano sui canali sono tenuti, poi, a controllare il coretto funzionamento dei loro scarichi fognari. Scatta anche un giro di vite nei confronti di chi porta cibo e acqua alle colonie feline che si trovano soprattutto lungo le aree golenali. Una consuetudine che rischia di agevolare la proliferazione di zanzare e ratti. È vietato quindi dar da mangiare agli uccelli acquatici come spesso accade per esempio davanti alla Specola. Per chi non dovesse rispettare l'ordinanza, sono previste multe che vanno dai 25 ai 500 euro. Sull'allarme siccità, ieri ad intervenire è stato anche il presidente reggente della Propvincia Vincenzo Gottardo: «Durante la riunione dell'Unità di crisi abbiamo inquadrato la situazione straordinaria che deve essere affrontata con serietà e impegno da parte di tutte le istituzioni in campo, ciascuno per la propria competenza. L'identificazione di scarichi fognari nei canali, impone un monitoraggio attento della situazione e soprattutto la valutazione di smaltimenti alternativi idonei per la salvaguardia della salute e la sicurezza dei cittadini e degli operatori, come indicato dal Dipartimento di Igiene Pubblica. È indispensabile che gli enti preposti tengano puliti i canali, rimuovendo gli oggetti ingombranti, i pesci o altri animali morti, per tutelare la sicurezza ed evitare il rallentamento dello scorrere dell'acqua. Anche il comportamento dei singoli cittadini deve essere responsabilizzato con un uso più consapevole dell'acqua e l'incremento della lotta agli infestanti, come ratti, zanzare e mosche. Il fatto che i canali siano più asciutti, ad esempio, implica che i ratti non trovino più nelle sponde possibile cibo per alimentarsi e di conseguenza sono costretti a cercarlo altrove. Depositare cibo per cani e gatti può diventare quindi elemento attrattore per topi in cerca di cibo».

Ultimo aggiornamento: 10:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci