Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vola dal finestrino del pick up, il 19enne resta grave. Indagato l'amico al volante: neopatentato e ubriaco

Il conducente è risultato positivo all'alcoltest e la Procura ha deciso di indagarlo. Accertamenti sulle cinture di sicurezza

Martedì 9 Agosto 2022 di Serena De Salvador
L'eliambulanza sul luogo dell'incidente
2

TREBASELEGHE - È ancora ricoverato in gravi condizioni nella Terapia intensiva della Neurochirurgia dell’ospedale di Padova il 19enne L. O., volato sabato sera dal finestrino del pick-up in corsa e guidato da un amico. L'incidente in via Rio San Martino a Sant’Ambrogio di Trebaseleghe. Mentre il giovane, che risiede a Scorzè (Ve), lotta per la vita, ieri è stato indagato dalla Procura di Padova per guida in stato d’ebbrezza il coetaneo che si trovava alla guida del veicolo. L’amico infatti è risultato positivo all’alcoltest. Ad aggravare la sua situazione è il fatto che, essendo neopatentato, il tasso alcolemico consentito è pari a zero. Nel frattempo i carabinieri stanno conducendo ulteriori accertamenti per chiarire tutti gli istanti che hanno portato al grave ferimento. Al vaglio le telecamere della zona, ma anche eventuali altre responsabilità per il mancato uso delle cinture di sicurezza.

Il quadro clinico

Le condizioni del giovane veneziano sono stabili, seppur molto serie. I medici della Neurochirurgia di via Giustiniani non hanno sciolto la prognosi e non è ancora stato dichiarato fuori pericolo di vita. Cadendo di schiena dal finestrino ha battuto violentemente la parte posteriore della testa sull’asfalto. Ha perso i sensi e riportato un grave trauma cranico, che ha reso necessaria un’operazione chirurgica per ridurre il versamento di sangue. È tenuto in coma indotto e sotto costante monitoraggio. I medici hanno portato avanti le valutazioni delle condizioni neurochirurgiche, ma per avere un quadro definitivo sarà necessario attendere ulteriormente l’evolvere della risposta alle terapie.

Le indagini

A quanto ricostruito il ragazzo era nella parte posteriore del veicolo e, abbassato del tutto il finestrino, si era seduto sul vano con il busto all’esterno e la gambe all’interno, cadendo di schiena quando il pick-up ha affrontato la curva in prossimità di via delle Fonti. Impossibile che gli altri tre coetanei a bordo, incluso il conducente, non si fossero resi conto di come era posizionato. Dopo la caduta il guidatore si è infatti subito fermato ma, sottoposto come da prassi all’alcoltest, è risultato positivo. Per questo la Procura padovana lo ha indagato per guida in stato d’ebbrezza. Ancora al vaglio invece l’ipotesi delle lesioni, anche perché il 19enne ferito pare non stesse indossando la cintura di sicurezza.

Ultimo aggiornamento: 16:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci