Super-palestra per l'arrampicata indoor: così il mini comune si rilancia

Martedì 7 Dicembre 2021 di Dario Fontanive
La palestra di roccia

SAN TOMASO AGORDINO - “Vertik Area Dolomiti” ed è la nuova struttura di arrampicata sportiva che sorge in località Pian a San Tomaso Agordino e che ha aperto i battenti da pochi giorni. Una struttura sportiva costata oltre un milione di euro coperti quasi interamente dai Fondi per i Comuni di confine di area vasta. Un sogno che è diventato realtà per il sindaco Moreno De Val e la sua compagine amministrativa che vede pezzo dopo pezzo comporsi quel grande progetto di riqualificazione della zona polisportiva di San Tomaso, dotandola di strutture importanti e innovative come la struttura “Arena 1082” che sorge a fianco della nuova palestra di roccia. 
Nonostante l’apertura in sordina, l’inaugurazione ufficiale verrà proposta più avanti. Nei primi due giorni un’ottantina di persone provenienti anche da fuori regione, addirittura da Parma, ha voluto cimentarsi in questo autentico capolavoro per l’arrampicata sportiva indoor che molti giudicano già come una delle migliori in Italia. 
La gestione è stata affidata a un pool di Guide Alpine che operano in Agordino che sono Valerio Scarpa che funge da responsabile, Maurizio Venzo, Federico Camangi e Federico Carollo. Coinvolto anche un bel numero di giovani collaboratori e appassionati di questa disciplina tra cui spicca il nome di Sara Avoscan sportiva autoctona, già campionessa veneta e medaglia di bronzo ai Campionati italiani di arrampicata sportiva e di Omar Genuin. 
Non una gestione casuale ma pensata attraverso la nascita di collaborazioni con scuole ma soprattutto con il mondo dell’arrampicata. «Si ovviamente il nostro bacino di utenza sono principalmente le scuole e già abbiamo stretto una importante collaborazione con il Liceo sportivo di Agordo - spiega Valerio Scarpa - che è una importante e valida eccellenza della nostra realtà, e lo dico anche da papà di un alunno. E con questi ragazzi avremmo anche pensato ad un percorso quinquennale in quanto il nostro desiderio principale è quello di riavvicinare gli agordini ad una vita di montagna e non solo ad una vita in montagna. Inoltre abbiamo cercato di diversificare anche i momenti di arrampicata, proponendo dei moduli per le varie categorie iniziando proprio dai bambini per finire con il settore agonistico».
Per far conoscere la struttura ad un più largo pubblico la gestione ha già in programma due gare regionali il 6-7 maggio che garantiranno l’arrivo di molti appassionati con amici e famiglie al seguito. A giorni dovrebbe poi partire anche il ristorante inserito all’interno della struttura che vedrà la gestione di Massimo Busin, che metterà a disposizione la sua esperienza culinaria acquisita in tanti anni di lavoro sia in Italia che all’estero.
 

Ultimo aggiornamento: 10:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA