Martedì 4 Dicembre 2018, 09:27

Bimbi stressati dopo l'uragano? A Belluno psicologi nelle scuole

PER APPROFONDIRE: bambini, belluno, maltempo, psicologi, scuole
Bimbi stressati dopo l'uragano?
A Belluno psicologi nelle scuole

di Alessia Trentin

BELLUNO - Incubi, insonnia, inappetenza, paure nuove. A guardare fuori dalla finestra il territorio devastato e i boschi schiantati a terra, lo stress si rinnova. Il post alluvione, nel Bellunese, è anche questo: una popolazione che, dopo essersi rimboccata le maniche e aver affondato i piedi nel fango nel momento dell'emergenza, oggi fatica a superare. A farsene una ragione. Ma una squadra di psicologi è pronta ad intervenire. A chiamarli in campo è stata la Provincia, in accordo con l'Ufficio scolastico.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Bimbi stressati dopo l'uragano? A Belluno psicologi nelle scuole
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2018-12-05 11:14:08
Se l'alluvione ha costituito un problema grave, quello di affidare i bambini agli psicologi ne creerà uno devastante. E se dico "creerà" lo intendo nel senso letterale: originare dal nulla. Mentre le giovani e flessibili menti dei bambini traggono da ogni avvenimento, anche di segno negativo, forza per lo sviluppo e la crescita, le baggianate degli psicologi saranno nel migliore dei casi ininfluenti, e nel peggiore peggiorative. Lo dico a ragion veduta: ho due figlie, che sono sempre state con me all'estero. Ovvio che qualche difficoltà linguistica e d'ambientamento potesse manifestarsi, iniziando la frequenza in un diverso Paese. Malauguratamente, e contro il mio parere, sono stati fatti intervenire gli psicologi, il che ha comportato la perdita di molte preziose ore di freeuenza in classe. Sono passati circa nove mesi dall'inizio dei colloqui volti a fornire un quadro psicologico (non dunque con intento correttivo), e ancora non è disponibile alcuna relazione. Nel frattempo le bambine si sono rimesse in corsa, da sole e con l'aiuto degli Insegnanti. Per doverosa precisazione, non è implicata la Provincia di Belluno, ma una limitrofa.
2018-12-04 20:15:38
poveri bimbi, non come quelli di anni fa che vivevano sotto le bombe...........
2018-12-04 19:01:32
e ci mancavano gli psicologi.......
2018-12-04 20:03:26
anche loro devono lavorare....
2018-12-04 18:33:19
Ma per l'amor di Dio..... questa è la classica baggianata tipica dei giorni nostri!! Anch'io vivo in una zona alluvionata, ma mi sembra che i bambini erano i più tranquilli di tutti nell'emergenza alluvione.... anzi, hanno anche fatto qualche giorno extra di festa da scuola...!!