Erostrato, oggi in aula si decide il rinvio a giudizio per padre e figlio

Giovedì 6 Giugno 2019
Nemesio e Samuele Aquini

BELLUNO - Oggi nel Tribunale di Belluno si discute il rinvio a giudizio per Nemesio e Samuele Aquini, padre e figlio di 73 e 33 anni residenti in via Roma a Cesio, unici indagati per il caso Erostrato. Sono 14 i capi di imputazione con contestazioni che vanno dall'incendio, al deturpamento di cose altrui, passando per le minacce, il procurato allarme, la tentata estorsione, arrivando persino alla propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale, etnica e religiosa. Si tratta di un'udienza tecnica.

IL CASO
Erostrato era il piromane-pastore dell'Antica Grecia, che incendiò e distrusse il celeberrimo tempio di Artemide e venne condannato a non essere mai ricordato. Con quel nome si firmava il mitomane di Cesio che ha tenuto sotto scacco l'intera comunità fino al 22 gennaio 2018, quando fece ritrovare un sacchetto di caramelle con gli spilli all'asilo di Cergnai. Il delirio dell'ignoto mitomane a Cesio iniziò il 13 luglio del 2017.

Ultimo aggiornamento: 15:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA