Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Civetta, si staccano due appigli: vola e si schianta contro la roccia. Sospeso legato al compagno per l'intera notte

Venerdì 12 Agosto 2022
Gli alpinisti mentre bivaccano sulla parete del Civetta
3

ALLEGHE (BELLUNO) -  Si stacca l'appiglio sulla roccia e poi anche il chiodo successivo. L'alpinistra fa un volo di 12 metri e urta con violenza contro la roccia, poi rimane sospeso grazie alla corda trattenuta dal compagno di scalata. A recuperare i due alpinisti che hanno trascorso la notte abbarbicati alla parete del Civetta a quota 3.100 metri è stato il soccorso alpino allertato questa mattina, 12 agosto, alle 8.40.

La centrale del 118 è stata chiamata da uno dei due alpinisti protagonisti dell'incidente sul penultimo tiro della Via Solleder - Lettenbauer in Civetta. Fuori da ieri, dopo aver bivaccato in parete, il 30enne di Rimini e il compagno si trovavano ormai quasi alla fine della via quando il primo di cordata è volato a causa dell'uscita di un appiglio. Anche il chiodo sottostante si è tolto e lo scalatore è caduto per 10-12 metri sbattendo sulla roccia e si è salvato solo perché la corda è stata trattenuta dal compagno in sosta.

I soccorsi

Subito è decollato l'elicottero di Dolomiti Emergency che ha tentato un primo avvicinamento alla parete, ma i due rocciatori, fermi su una cengia a 3.100 metri di quota, erano immersi nelle nubi. Dalla Centrale del Suem sono state quindi attivate le stazioni del soccorso alpino di Alleghe, Agordo, Val Biois e Val Pettorina, nonché preallertato l'elicottero dell'Air service center convenzionato con il Soccorso alpino Dolomiti Bellunesi, per organizzare una squadra d'intervento a piedi, eventualmente elitrasportata il più possibile in quota, dopo aver sentito anche il gestore del Rifugio Torrani per il possibile trasporto dell'attrezzatura con la teleferica. Fortunatamente, non appena si è aperto un varco nelle nuvole, l'eliambulanza atterrata al Rifugio Tissi è subito decollata e, raggiunti i due alpinisti, ha recuperato utilizzando un verricello di 30 metri l'infortunato, con probabili traumi alla colonna e al torace, e successivamente il compagno e li ha portati all'ospedale di Belluno.


 

Ultimo aggiornamento: 14 Agosto, 11:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci