Tutti i santi, perché si celebrano oggi? Da Diocleziano al Pane di Dio, ecco il senso del primo novembre

Lunedì 1 Novembre 2021 di Giampiero Valenza
Tutti i santi, perché si celebrano oggi? Da Diocleziano al Pane di Dio, ecco il senso del primo novembre

Il primo novembre è la festa di Ognissanti. Si tratta di una celebrazione antica, che ha le sue radici nei primi secoli della Chiesa. La persecuzione di Diocleziano aumentò di gran lunga il numero dei martiri cristiani e la Chiesa avrebbe voluto ricordarli singolarmente, ognuno in un giorno dedicato. Poi si passò a creare una festa liturgica per poterli ricordare tutti assieme.

In un antico manoscritto, il "Comune dei Santi" del Lezionario di Wurzburg, già alla fine del IV secolo in Germania la domenica dopo Pentecoste veniva indicata come la Dominica in Natale sanctorum, cioè la domenica della natività dei santi.

 

 

Tutti i santi: la storia della festa del primo novembre

 

È il 13 maggio del 609 quando papa Bonifacio IV consacra il Pantheon alla Beata Vergine Maria e a tutti i martiri. Proprio il 13 maggio divenne così la festa della Dedicatio Sactae Mariae ad Martyres, anche perché la data coincideva con quella della festa romana dei Lemuralia, quando venivano propiziati gli spiriti dei defunti. Questa, secondo chi si occupa di storia della liturgia, sarebbe all’origine della festività di tutti i Santi e della commemorazione dei defunti del 2 novembre.

È nell'835 con Papa Gregorio IV che ci fu la vera svolta. Dedicò un oratorio nella vecchia Basilica di San Pietro alle reliquie dei santi apostoli e di tutti i santi, martiri e confessori. Secondo alcune fonti ciò accadde il primo novembre, ed ecco la nascita della data. In quell'anno sappiamo che divenne giorno di precetto nell'Impero dei Franchi, con un decreto dell'Imperatore Ludovico il Pio.

Anche le chiese irlandesi e bavaresi nell’800 tenevano feste per ricordare i santi proprio in quel giorno. E diverse piccole tracce si trovano in altre fonti scritte: intorno al 790 il poeta e sacerdote Alcuino di York scrisse ad Arno di Salisburgo, raccomandandogli la celebrazione della Festa di Ognissanti.

 

 

Come si celebra questa festa in Europa?

Sono tante le tradizioni che vengono associate alla celebrazione del primo novembre. In Austria e in Baviera i padrini regalano ai loro figliocci l’Allerheiligenstriezel, una pasta lievitata intrecciata. In Belgio si visitano i cimiteri perché il 2 novembre non è giorno festivo. Altrettanto accade per “La Toussaint” in Francia. In Portogallo il Dia de todos os Santos è un’occasione per ricordare i defunti. I bimbi seguono la tradizione del Pão-por-Deus, girando per il quartiere e bussando alle porte dei negozi dei locali per chiedere "pane per Dio" (ed ecco perché nel Paese Halloween non ha mai attecchito se non nell'ultimo peroodo). A Siena un dolce tipico è il pane dei Santi, un dolce con uvetta e frutta secca.

 

Ultimo aggiornamento: 10:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA