Tragedia in un'azienda agricola: 4 operai morti annegati in una vasca di liquami

PER APPROFONDIRE: incidente, morte sul lavoro, operai, pavia
Tragedia in un'azienda agricola: 4 operai morti annegati in una vasca di liquami
Una tragedia. Quattro morti assurde che si aggiungono all'elenco infinito di vittime sul lavoro. È successo oggi in un'azienda agricola ad Arena Po, nell'Oltrepò Pavese. A perdere la vita sono state quattro persone di nazionalità indiana: due fratelli, di 48 e 45 anni, che da più di cinque anni avevano rilevato l'impresa, e due loro dipendenti, di 29 e 28 anni. Quattro uomini di origine sikh. Il fatto è accaduto verso mezzogiorno in via San Rocco. I quattro stavano lavorando vicino a una vasca per il compostaggio dei fertilizzanti vicino a una stalla. Improvvisamente uno dei quattro è finito nella vasca. Da quanto è emerso i due dipendenti stavano caricando un'autobotte con i liquami, che poi avrebbero dovuto spargere nei campi. Forse ci sono stati problemi nell'aspirazione. Un operaio si è calato nella vasca ed è caduto. Gli altri tre, secondo la ricostruzione effettuata dai carabinieri di Stradella, sono a loro volta caduti nel vano tentativo di recuperare il loro connazionale. 

LEGGI ANCHE Operaio schiacciato, è gravissimo
 
 

Ogni sforzo per salvarli è stato inutile. Nel giro di pochi minuti sono accorse sul posto diverse ambulanze del 118, oltre a carabinieri, vigili del fuoco e ispettori dell'Ats. Per i quattro indiani non c'è stato nulla da fare. Per il recupero dei corpi è stato necessario lo svuotamento della vasca da parte dei vigili del fuoco. L'operazione è avvenuta dopo che nel pomeriggio è giunto sul posto il procuratore aggiunto di Pavia, Mario Venditti: il recupero dei cadaveri si è svolto tra la disperazione dei familiari delle vittime, giunti ad Arena Po ( Pavia) anche dalle province di Brescia e Cremona. La tragedia ha destato enorme commozione nel paese. Nell'azienda agricola sono presenti circa 300 mucche da latte. I due fratelli indiani avevano anche un terzo dipendente, sempre di origine sikh, che lavorava per loro: è l'unico rimasto in vita.



Il sindaco Alessandro Belforti ha espresso cordoglio, a nome della comunità del paese oltrepadano, per la tragica morte dei due fratelli indiani e dei loro dipendenti: «Erano grandi lavoratori, che si erano integrati bene nella nostra realtà». «Esprimiamo tristezza e sgomento per le morti bianche in Lombardia. A Pavia si è consumata una tragedia inaccettabile», ha dichiarato Simone Verni, consigliere regionale pavese del M5S. «I dati che emergono in Lombardia - sottolinea Verni - sono molto negativi e la regione risulta in controtendenza con il dato nazionale e purtroppo vede crescere il numero di morti sul lavoro. Da tempo monitoriamo la situazione e per questo abbiamo deciso di sollevare la questione in Consiglio regionale con un'interrogazione per sollecitare la Regione a intervenire in sede di prevenzione. Vogliamo capire quali ulteriori azioni Regione Lombardia ha intenzione di intraprendere per affrontare quella che ha tutte le caratteristiche di una gravissima emergenza. Vigileremo affinché il piano regionale della prevenzione sia veramente efficace anche e soprattutto per tutelare la sicurezza dei lavoratori. Nel ventunesimo secolo non è accettabile perdere la vita lavorando».

L'interrogazione depositata dal M5S Lombardia chiede «quali ulteriori interventi e investimenti Regione Lombardia ha intenzione di mettere in campo per ridurre il numero di infortuni sul lavoro nel territorio regionale». Per Paolo Capone, segretario generale dell'Ugl, si tratta dell'«ennesimo agghiacciante incidente mortale sul luogo di lavoro: ora più che mai serve un'azione forte da parte del Governo, è quindi necessario un intervento tempestivo per porre fine a queste stragi silenziose. Non possiamo più restare a guardare. I numeri parlano chiaro - ha aggiunto Capone - nel primo semestre del 2019 ci sono stati 482 decessi, il peggior dato dal 2016. Occorrono più controlli, una maggiore formazione e diffusione della cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro, soprattutto in quelli più a rischio».


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 12 Settembre 2019, 14:42






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tragedia in un'azienda agricola: 4 operai morti annegati in una vasca di liquami
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 24 commenti presenti
2019-09-14 12:42:43
... dalle foto sembrava in india o da quelle parti..
2019-09-14 11:45:40
non ho sentito un media, uno solo, che avesse parlato della sicurezza sui posti di lavoro e di che cosa fosse mancato (tutto?) in quell'azienda. se un indigeno si scorda di chiudere la porta del cesso si becca una serie di denuncie
2019-09-13 13:09:46
Da controllare da parte di ispettori se avessero respiratori con maschera e bombole di ossigeno , imbrago e corda o altro...non usati..stivati da qualche parte tanto per regolarita' formale..O ne ignorassero deltutto la necessita'.Va ben essere gran lavoratori infaticabili..h 24 tutto l'anno, ma un poco di studio ed informazioni al di fuori della cerchia ristretta ..ed anche lettura giornali e visione telegiornali...per stare in campana dopo altre disgrazie che ,purtroppo ,almeno dovrebbero mettere sul chivala'.
2019-09-13 07:21:26
Quando succedono queste tragedie ogni volta c'e' la sfilata di anime belle e sindacalisti che si dolgono per le morti sul lavoro. gia'. Dimenticando che ogni attivita' umana e' pericolosa (Migliaia gli incidenti domestici, anche mortali, tra le mura di casa, tra scivolate in bagno, incendi in cucina e cadute per le scale). Per altro una gran parte di questi incidenti sarebbero evitabili se il LAVORATORE si comportasse prudentemente e indossasse i dispositivi di protezione previsti (ma il casco e' scomodo e legarsi con le cinghie di sicurezza pure). Se andate su you tube trovate innumerevoli filmati di "geni al lavoro" che spesso restano vivi solo per miracolo. Certo c'e' anche una quota di morti ed incidenti legata allo sfruttamento, al caporalato, al lavoro nero. Ma siamo sicuri che la nuova ministra, forte della sua esperienza diretta come lavoratrice agricola e sindacalista sapra' risolvere in un baleno la questione. No ? Eggia'.
2019-09-12 22:16:33
Si ma sono morti 4 uomini con figli e mogli. Non interessa a nessuno?