Martedì 11 Giugno 2019, 21:36

Sequestrato in Libia, ma per lo Stato non è una vittima del terrorismo

PER APPROFONDIRE: danilo calonego, isis, libia, sedico, sequestro
Sequestrato in Libia, ma per lo Stato  non è una vittima del terrorismo

di Olivia Bonetti

IL CASO - «Non era terrorismo». Quarantasette giorni di prigionia in Libia, in mano a una banda armata di kalashnikov che era costantemente puntato sulla sua testa. Carcerieri che minacciavano di venderli all’Isis. L’unica certezza la morte. Ma non era terrorismo. Non sarà risarcito dalla Stato italiano Danilo Calonego, 71 anni del Peron di Sedico, rapito in Libia il 19 settembre 2016 e rilasciato la notte del 5 novembre 2016. Nessun beneficio per lui dal fondo vittime di terrorismo, come comunicato con un...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Sequestrato in Libia, ma per lo Stato non è una vittima del terrorismo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2019-06-12 21:05:37
ma avete capito che costui dopo quello che gli è capitato coi musulmani ha avuto pure il coraggio di andare anche in marocco? e si è tenuto pure la notifica in tasca,ma ci è o ci fa? e poi lo ha detto anche lui che o pagavano o lo davano all'isis. vuol dire che era criminalità comune, signor avvocato.
2019-06-12 16:35:09
Meglio sarebbe stato lasciare accozzaglia di tribu' rivali che creare uno stato col righello.
2019-06-12 15:10:02
Va bene cosi caro Danilo, sei un mito così come sei. Pensa invece a finire di scrivere il tuo libro che ne leggeremo delle belle...
2019-06-12 13:25:46
Curioso che per le anime belle, quando si tratta di migranti, la Libia sia una terra di nessuno, senza legge e senza speranza, ma poi se capita a un cittadino qualunque di essere sequestrato, saranno stati sicuramente i Bassotti o altri ladri di polli. Mi chiedo se la pensavano alla stessa maniera se ad essere sequestrata fosse stata un'anima bella delle onlus varie e non un tecnico che stava li per lavorare. Ma va ancora bene. Se il poveretto era un contractor (un "mercenario") che lavorava a protezione di qualche imprenditore, sempre secondo questa "logica", per le anime belle italiche poteva pure morire. Viceversa, rimane l'abitudine italica di cercare sempre un Pantalone cui chiedere soldi. Stai lavorando in un paese ad alto rischio ? Dovresti mettere in conto il rischio professionale di essere rapito o ucciso. E la tua paga dovrebbe tenerne AMPIAMENTE conto. NON credo che il signore percepisse lo STESSO stipendio di chi lavora a Marghera. Senza contare bonus e assicurazioni varie. Ti rapiscono e poi lo STATO ITALIANO dovrebbe risarcirti ? Casomai chiederei i danni a quello francese
2019-06-12 13:17:30
I cattocomunisti ozianti e fallimentari hanno 2 pesi e 2 misure Questo signore era in missione lavorativa come tanti altri connazionali che per il default causato dagli ozianti parolai di noto credo deve emigrare per fare Pil , I buonisti hanno la memoria corta.. ho il pelo bianco ma nei svariati paesi che o vissuto e lavorato , mai ho notato una simile ipocrisia disfattista ed individuale SARA& SARA Iraq Sgrena con la morte del povero Callipari da fargli da scudo... e tanti altri vostri eroi con la tessera del buonismo intasca .. quanti soldi ha sborsato lo stato italiano per il buonismo di ritorno?? lo avete dimenticato Questo signore non era in vacanza Alpi tour o Cuba stile anni 30 recreativa per i Migliori del nulla su spalle altri