Coppia di donne e figlia, l'Anagrafe non sa che fare: «Chi segno come padre?»

PER APPROFONDIRE: anagrafe, favaro, figlia, gay, lesbiche
Coppia di donne e figlia, l'Anagrafe non sa che fare: «Chi segno come padre?»
MESTRE - Empasse all'Anagrafe della municipalità di Favaro Veneto per rilasciare una carta d' identità alla figlia minorenne di una coppia gay in quanto, stando al decreto ministeriale, dallo scorso aprile non è più possibile indicare "genitore" o chi ne fa le vecì, ma solo padre o madre. Così tutto rimane nel limbo e la bambina, che ha sei anni,  è senza identità. Concepita con il seme di un donatore anonimo, la sua madre biologica che vive con un'altra donna ha ottenuto dal tribunale l'ok per adottarla. «Lo scorso mese - spiega la madre biologica - abbiamo chiesto che le fosse rilasciata la carta d'identità e abbiamo subito intuito che non sarebbe stato semplice. Gli impiegati dell'Anagrafe, si sono dimostrati collaborativi, hanno chiesto chiarimenti, ma non sapevano come compilare i dati anagrafici. Inserire un nome palesemente femminile di fronte alla dicitura "padre" tanto voluta dal ministro Salvini, rischierebbe infatti trasformare quel documento un falso». Nemmeno gli avvocati della coppia sono riusciti a superare il problema e l'Anagrafe ha preferito sospendere la pratica e chiedere lumi al ministero, ma la risposta a distanza di due settimane non è ancora arrivata.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 11 Giugno 2019, 16:17






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Coppia di donne e figlia, l'Anagrafe non sa che fare: «Chi segno come padre?»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 54 commenti presenti
2019-06-11 17:03:01
Una volta esistevano i figli di madre ignota (che poi è diventata popolarescamente mignotta, a indicare altro ...); la cosa è semplicissima, basta dire la verità e alla voce "padre" scrivere "ignoto". Andando avanti così ci saranno anche i figli di pignotto ...
2019-06-11 20:49:58
le istituzioni sono succubi dei bisogni di certi cittadini. la madre è quella biologica, e lì non ci piove, puoi fare tutte le leggi che vuoi quella è l'unica e sacrosanta verità. il padre, visto che è sconosciuto, e lo dice la madre che è l'unica che dovrebbe sapere chi è, si scrive ignoto o sconosciuto come si è sempre fatto. il terzo personaggio che si faccia un figlio pure lei e così ci mette il suo nome. ps: quella che è andata a convivere con la mamma di questa bambina, con che diritto vuole mettere il suo nome sulla carta d'identità della bimba stessa? non mi risulta che se io, che ho già dei figli, vado a convivere con una donna che non è la loro madre sui documenti ci mettano il suo nome. ma dove siamo arrivati? dove vogliamo arrivare?
2019-06-12 08:32:10
Mi sembra che la legge Cirinnà sia chiara, si parla di unioni civili, stepchild adoption ecc ma "Concepita con il seme di un donatore anonimo" per la legge ( giusto o sbagliato vedete voi) è un reato e aggiungo anche se fatto all'estero. Per cui la figlia sarà sua e l'altra donna sara la zia e mettetevela via....
2019-06-12 15:00:05
La madre è una sola. L'altra è la compagna della madre.Punto.
2019-06-12 09:33:29
Semplicissimo. Se il padre non c’è perché bisogna scriverne uno per forza? Figli senza padri non sono certo una novità.