I 40 anni dall'omicidio di Lino Sabbadin: «Primo anniversario col colpevole in carcere»

I 40 anni dall'omicidio di Lino Sabbadin: «Primo anniversario col colpevole in carcere»
«In un Paese civile, di diritto, 40 anni attesi per avere giustizia è un'ingiustizia» ha detto l'assessore regionale Veneto, Roberto Marcato, a margine della cerimonia a Caltana per i quarant'anni dall'omicidio di Lino Sabbadin per il quale è stato condannato Cesare Battisti. Marcato, una delle molte autorità presenti alla cerimonia (tra cui anche l'assessore regionale Elena, Donazzan), ha aggiunto che »quello su cui riflettere quando si tratta di violenza, o peggio ancora di terrorismo, non ci può essere spazio per speculazioni politiche o filosofiche. Il carnefice è carnefice e la vittima è vittima«.

Alal cerimonia era presente anche una delegazione della Fervicredo: “Sono qui a testimoniare la vicinanza mia personale e di tutte le 1400 famiglie iscritte alla nostra assozione che difende le vittime della criminalità e del  dovere – ha detto Mirko Schio, il presidente – Ad Adriano Sabbadin, Alberto Torreggiani e Maurizio Campagna, a cui dopo tutti questi anni ci lega una profonda amicizia. Come abbiamo fatto in questo lungo passato condiviso, vogliamo ancora una volta ribadire loro che non sono stati e non saranno mai soli, che tutti noi condividiamo profondamente il doloroso cammino che hanno dovuto compiere e che, dopo 40 anni, vede finalmente trionfare la giustizia dal momento che il responsabile delle assurde e atroci morti dei loro cari è in carcere».

Altri servizi sul Gazzettino del 19 febbraio
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 18 Febbraio 2019, 18:55






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
I 40 anni dall'omicidio di Lino Sabbadin: «Primo anniversario col colpevole in carcere»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-02-19 06:18:04
A fare compagnia al criminale Battisti dovrebbero andare tutti quelli che lo hanno protetto negli anni. Schifosi come lui.
2019-02-19 06:30:54
Povera famiglia. Ho saputo che il capofamiglia 40 anni fa ucciso da Battisti solo perché qualche tempo prima Lino Sabbadin si era permesso di sparare ad un ladro che aveva tentato di derubato...Non si trattava di terrorismo ma solo di crudele cattiveria!!!
2019-03-25 14:51:28
Di schifosi in quegli anni cenerano sia dalla parte dei politici che dei carnefici. Poi torniamo al terrorismo di stato con le bombe Milano, Bologna e l'Italicus e la trattativa stato e mafia. Troppo comodo vedere solo quello che fa comodo. In molti vorremmo la vera verità
2019-03-25 14:55:53
Infatti. Se un omicidio e', e rimane pur sempre, un omicidio, in un certo qual modo le motivazioni di quello che hanno portato all'uccisione del povero Lino Sabbadin sono una ulteriore aggravante.... Brutta cosa il terrorismo in Italia! Che non va e non andrebbe mai "archiviata" e dimenticata, ma, anzi, costituire un "monito" severo ai posteri...