Sostenibilità, EY: 7 consumatori italiani su 10 guardano all'ambiente. Il 69% è preoccupato per l'economia del Paese

Giovedì 5 Agosto 2021
Sostenibilità, EY: 7 consumatori italiani su 10 guardano all'ambiente. Il 69% è preoccupato per l'economia del Paese

Il tema della sostenibilità è ormai una questione imprescindibile in politica e economia. Anche nella nostra vita quotidiana si fanno sempre più spazio le abitudini sostenibili e il 74% dei consumatori afferma di prestare sempre più attenzione all'impatto ambientale di ciò che acquista, il 66% a quello sociale, con un occhio di riguardo al cambiamento climatico (65%). Cambiano le abitudini di consumo al tempo del Covid-19: si spende meno in beni non essenziali, si visitano più raramente i negozi fisici e si supporta il business locale. È questo il ritratto tracciato dall'EY Future Consumer Index, che ha sondato le opinioni di oltre 14mila cittadini in tutto il mondo, di cui 500 in Italia. Lo studio rileva come il 43% dei consumatori sia convinto che la pandemia continuerà ad avere un impatto sulle nostre vite per almeno altri 12 mesi, finché la maggior parte della popolazione non sarà vaccinata (30%).

 

«Green pass obbligatorio nelle aziende i diritti del lavoro vanno salvaguardati»

Ma a preoccupare maggiormente sono soprattutto le condizioni economiche dell'Italia (69%), seguite dal rischio di vedersi privati della libertà di godersi la vita (49%), e la salute della famiglia (47%). Tuttavia, sottolinea lo studio, il prezzo resta ancora il principale driver che guida le scelte di consumo per la maggior parte dei settori merceologici, con la sola eccezione del cibo fresco, per il quale si cerca invece di privilegiare le caratteristiche salutistiche e l'origine locale.

 

Più nello specifico, lo studio segnala come il 72% dei consumatori conduca una vita più casalinga rispetto al pre-pandemia, mentre il 53% afferma di recarsi sempre meno frequentemente nei negozi fisici. Al contempo il 57% dice di spendere sempre meno in beni non essenziali, e il 21% si dice disposto a cambiare brand pur di supportare il business locale. Sebbene gli italiani siano sempre più attenti alla sostenibilità, ci sono degli elementi che scoraggiano l'acquisto di beni e servizi sostenibili: la bassa qualità (63%), il marketing ingannevole (63%), le informazioni fuorvianti sul prodotto (58%) e l'alto prezzo (57%).

 

Tram: «I lavori? Solo costi e disagi»

 

Fondamentale quindi per le imprese puntare sulla trasparenza. Da loro inoltre gli italiani si aspettano gli sforzi maggiori per favorire un consumo più etico. In particolare, il 72% degli intervistati sostiene che le aziende devono proporsi come leader nel guidare le azioni positive verso l'ambiente e la società. Più in dettaglio, dalle aziende ci si aspetta maggior trasparenza (85%), un comportamento etico verso i lavoratori e la comunità (84%), una produzione sostenibile (82%), la scelta di fornitori con alti standard di sostenibilità (85%).

Ultimo aggiornamento: 15:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA