Vittorio Sgarbi entra in studio e scoppia a piangere a Io e Te: «Non sto bene, non doveva morire...». Diaco si commuove

Martedì 16 Giugno 2020
Vittorio Sgarbi entra in studio e scoppia a piangere a Io e Te: «Non sto bene, è morto...». Diaco si commuove
3
Vittorio Sgarbi entra in studio e scoppia a piangere a Io e Te«Non sto bene, è morto...». Diaco si commuove. Oggi, il critico d'arte è stato ospite nel salotto di Rai 1 e si è raccontato a cuore aperto, dall'infanzia alla sua passione per la cultura. Ma proprio all'inizio dell'intervista, Sgarbi si commuove fino alle lacrime.

«Oggi non sto bene - spiega il critico - ieri è morto Giulio Giorello, un amico. Era stato ricoverato per covid, poi era stato dimesso. Ma forse ha aggravato le sue condizioni. Non doveva morire». Diaco di commuove, poi Sgarbi racconta del suo infarto.



«Ho avuto l'intuizione - spiega - di andare dal medico più vicino. Mi hanno detto che se avessi aspettatio un'altra mezz'ora sarei morto. Dopo l'intervento, ho scritto subito un articolo d'arte per il Corriere della Sera e il caporedattore mi ha risposto 'Ma non eri morto?'. Mi vennero a trovare un sacco di persone, da Bonaccini a Berlusconi, era diventata una festa. Una volta superato il pericolo, non bisogna fare le vittime».

  Ultimo aggiornamento: 14:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA