«Musulmani, la carne di maiale resta» Sindaco in trionfo per una falsa notizia

Venerdì 16 Febbraio 2018
14
LONIGO - (Al. F.) Un vero trionfo. Telefonate, sms, whatsapp, Facebook, siti web intasati, giornalisti che implorano un'intervista. «Sono stato sommerso dai complimenti». Luca Restello, Lega, sindaco di Lonigo, nel Vicentino, è diventato l'uomo del giorno grazie a una fake news, una bufala, di quelle che l'anonimato di Internet permette di lanciare impunemente nella rete. La bufala raccontava questa storia: un gruppo di genitori musulmani avrebbe scritto a lui, al sindaco, per chiedere che dalle mense scolastiche sparisse la carne di maiale, vietata dal Corano. E il sindaco avrebbe risposto picche, e inviato una lettera a tutti i genitori: «I musulmani devono capire che devono adattarsi al Veneto - avrebbe scritto il sindaco -, ai suoi costumi e tradizioni. Devono integrarsi e imparare a vivere in Veneto. Devono essere loro a cambiare il loro stile di vita, non chi li ha accolti».

«A parte tutti quei devono, io condivido il senso generale di questa lettera - ammette il sindaco di Lonigo - ma non l'ho mai scritta, né ho ricevuto alcuna richiesta da genitori musulmani per togliere la carne di maiale dalle mense scolastiche, tanto più che l'alternativa c'è già, da sempre il menu prevede l'opzione vegetariana». «Mi preoccupano due cose però - segnala Luca Restello, che ha denunciato il fatto alla polizia postale - la prima è che sia possibile mettere in rete qualsiasi cosa. E la seconda sono gli applausi che ho ricevuto: tanti, troppi, entusiastici. Segno che la gente, di questa immigrazione disordinata e prepotente, non ne può più. E basta un nulla a scatenare reazioni razziste. È questo che mi preoccupa soprattutto». Ultimo aggiornamento: 16:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci