Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Amianto a San Lazzaro, Facchin:
«Sulla nostra strada tutti scaricano»
Pronti a ronde per filmare gli incivili

Martedì 9 Agosto 2016 di Elena Ferrarese
Amianto a San Lazzaro, Facchin: «Sulla nostra strada tutti scaricano» Pronti a ronde per filmare gli incivili

BASSANO DEL GRAPPA - È ancora in attesa di essere rimosso l’amianto abbandonato sulla Strada Santi Fortunato e Lazzaro. Si tratta di un bidone dal quale sono fuoriusciti pezzi di materiale di fibrocemento a base amianto, di cui qualcuno si è disfatto, probabilmente di notte, approfittando del tratto di strada a un paio di chilometri dal centro storico di Bassano. 

Fibrocemento disperso nell'ambiente

 

A dare l’allarme è stato il presidente del Quartiere San Lazzaro Stefano Facchin che venerdì ha ritenuto importante segnalare l’atto incivile all’amministrazione perché se ne occupi prima possibile, visto che non è il primo episodio di questo tipo che riguarda la Strada Santi Fortunato e Lazzaro. Qualche tempo fa, infatti, i residenti della zona avevano già richiamato l’attenzione sull’abbandono di materiale organico lungo la carreggiata.

Secondo Facchin, è ora di prendere provvedimenti: «Su questo tratto di strada molte persone pensano di poter scaricare qualsiasi cosa. Purtroppo questa volta hanno scaricato dell’Eternit vecchio, che probabilmente è cancerogeno. Adesso, come quartiere, vigileremo il più possibile e, se noteremo ancora atti di questo tipo, interverremo facendo fotografie e video e li consegneremo alle autorità competenti perché non succeda più. Quest’area è stata presa di mira. Fortunatamente abbiamo dei volontari che in autunno e in primavera si occupano della pulizia, ma questa storia deve finire».

Ultimo aggiornamento: 14:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA