Formazione: Ida Academy comprova filosofia innovatrice Regione

Giovedì 16 Settembre 2021


Trieste, 16 set - La Regione sta perseguendo il potenziamento di tutta la filiera formativa del Friuli Venezia Giulia partendo, a monte, da chi immagina e progetta i corsi in un percorso completo che arriva a valle al mondo delle imprese e che unisce tutti i soggetti in una strategia coordinata all'insegna dell'innovazione.

È quanto ha affermato l'assessore regionale al Lavoro, Istruzione e Formazione aprendo il webinar della Instructional Design Academy (Ida), la prima accademia di settore completamente gratuita fondata con le risorse del Fondo sociale europeo veicolate dalla Regione Friuli Venezia Giulia in collaborazione con Ires. L'Ida ha completato a fine luglio il suo primo corso di 80 ore finalizzato a dare risposte al grande fabbisogno di instructional designer, il progettista della formazione online, colui che realizza la trasmissione agli studenti dei più efficaci contenuti di apprendimento.

Nella strategia della Regione i percorsi formativi, ha spiegato l'assessore, devono vedere il raccordo di tutti gli attori, in passato separati e distanti, superando stereotipi, chiusure e categorizzazioni. L'attenzione è e sarà rivolta, anche nella prossima programmazione delle risorse derivanti dal Fondo sociale europeo, non solo ai disoccupati ma anche coloro che già lavorano. Nel caso dell'e-learning si tratta, come è emerso dal webinar, di riqualificare analisti, progettisti, docenti e valutatori per aggiornare e potenziare il bagaglio di competenze in un settore in continua evoluzione. Da questo punto di vista, l'assessore he evidenziato che la fondazione e l'attività dell'Ida hanno rappresentato una novità quasi pionieristica, a riprova di un'innovazione che è principio guida e non semplice slogan.

Al webinar odierno hanno preso parte aziende, università e instructional designer che si sono confrontati sulle sfide che ruotano attorno al tema di fondo del divario tra domanda e offerta di lavoro nell'e-learning, settore la cui importanza strategica è stata enfatizzata dalla pandemia e che denota in proiezione un bisogno crescente di figure specializzate e di percorsi formativi adeguati. ARC/PPH/al

© RIPRODUZIONE RISERVATA