Lunedì 11 Febbraio 2019, 00:00

«Io, poeta operaio da sempre»

«Io, poeta operaio da sempre»
L'INTERVISTA«La poesia mi è entrata dentro da bambino, mia madre ci leggeva sempre versi di Dante e di Leopardi e piangeva quando recitava a memoria Breus di Giovanni Pascoli». L'ultima traduzione delle poesie di Ferruccio Brugnaro arriva dalla Cina. Le hanno già pubblicate in venti lingue. Ha incominciato con i volantini ciclostilati negli anni dell'«autunno caldo» al Petrolchimico di Porta Marghera, oggi è nelle antologie di mezzo mondo. Sui murales di Orgosolo sono riprodotte due sue poesie sulla fabbrica. Di lui Andrea Zanzotto ha...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Io, poeta operaio da sempre»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER