Crolla il tetto di una ghiacciaia in malga: morti due bambini, altri due feriti

Sabato 3 Luglio 2021 di Massimo Rossignati
La foto della malga Preta di Sotto (sito sanmartinoba.it)
6

VERONA - Terribile tragedia nel pomeriggio del 3 luglio in Lessinia, nel comune di Sant'Anna d'Alfaedo (Vr): due bambini veronesi di 7 anni, compagni di scuola, hanno perso la vita mentre stavano giocando con altri due amichetti nei pressi di Malga Preta. L'allarme è stato lanciato attorno alle 16. I bambini erano sul tetto di una vecchia ghiacciaia che ha ceduto: due di loro sono morti e due sono rimasti feriti. Sul posto i carabinieri, gli elicotteri di Verona emergenza e Trento con le squadre del Soccorso alpino e speleo di Verona. I due ragazzini rimasti feriti sono un'altra bambina di 7 anni che è stata trasportata con l'elicottero all'ospedale di Borgo Trento a Verona, e che se l'è cavata con un polso rotto, ed un bambino di sei che invece è rimasto praticamente illeso.

Chi sono le vittime

Michele Mazzucato e Tommaso Saggioro, compagni di scuola, hanno perso la vita. Abitavano con le famiglie a Verona, quartiere Montorio. Feriti due loro amichetti sempre di Verona: una bambina di 7 anni, trasportata all'ospedale di Borgo Trento a Verona con la frattura di un polso, ed un bambino di 6 anni che però se l'è cavata con qualche graffio.

 

 

Video

Malga Preta: dove è successa la tragedia

La zona dove è avvenuto l'incidente è quella delle malghe Preta: ce ne sono due, una di Sopra (a quota 1.527 metri) e l'altra di Sotto (a quota 1.482 metri) ma sono non lontane e vicine al Corno d'Aquilio (1.554 metri di quota)  al confine tra il Veronese e il Trentino.  Non essendoci copertura telefonica e con la linea intermittente, dalle prime frammentarie informazioni il Soccorso Alpino, intervenuto insieme ai Vigili del fuoco e ai Carabinieri, aveva capito che i piccoli fossero precipitati in un burrone o in un fosso - nella zona c'è la Spluga della Preta, una voragine di quasi mille metri di profondità - inviando l'elicottero di Verona emergenza e Trento e i tecnici del Soccorso speleologico. Una volta sul luogo dell'incidente è stata purtroppo evidente la situazione drammatica. I soccorritori hanno tentato le manovre di rianimazione. All'equipaggio medico è restato il triste compito di constatare il decesso. 

Il sindaco

«Una immensa tragedia e famiglie distrutte. La tremenda fatalità che ha tolto la vita ai due bambini di 8 anni è difficile da accettare«. Così il sindaco di Verona, Federico Sboarina, sulla drammatica scomparsa dei due bambini veronesi morti oggi in Lessinia. »Al Corno d'Aquilio - ha spiegato - in un normale pomeriggio estivo, si è consumato il dolore più grande che si possa immaginare, la perdita di un figlio«. »Ai genitori va tutta la mia vicinanza, il cordoglio dell'intera città e la disponibilità per ogni necessità. Nel giorno delle esequie verrà indetto il lutto cittadino per testimoniare la partecipazione di tutta la nostra comunità»

Ultimo aggiornamento: 4 Luglio, 09:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA