Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Garavaglia a Gardaland: «Serve una strategia turistica per i parchi tematici»

Martedì 28 Giugno 2022 di Redazione Web
Il parco tematico Gardaland

VERONA - Una strategia turistica ad hoc per i parchi tematici. È l'obiettivo che si è prefissato il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, e lo ha annunciato oggi, 28 giugno, durante un incontro con Sabrina De Carvalho, senior divisional director di Gardaland, a Castelnuovo del Garda. «Sarà importante definire una sezione del turismo con una strategia dedicata ai parchi tematici» ha detto Garavaglia che ha anche sottolineato come la struttura riceva 3 milioni di visitatori l'anno e dia occupazione a circa 1.200 persone in piena stagione. Al ministro è stato presentato un piano di sviluppo di lungo periodo per arricchire ulteriormente l'offerta di divertimento attraverso lo sviluppo, l'ampliamento di nuove aree, il lancio di nuove attrazioni e l'ampiamento dell'offerta di accomodation. Tra il 2015 ed il 2022, è stato realizzato un piano di investimenti di circa 100 milioni di euro con il lancio di nuove attrazioni. «Stiamo rivedendo un piano strategico per il turismo e in questo è importante che ci sia una parte dedicata ai parchi tematici. Il Ministero lavorerà ad una bozza di capitolo dedicato che andrà integrato insieme per fare un lavoro di squadra - ha spiegato Garavaglia - Altro tema è la promozione: Gardaland è un attrattore a livello internazionale, nel nostro hub digitale faremo una sezione dedicata ai parchi tematici che portano milioni di visitatori, quindi, è giusto dedicare uno spazio idoneo. Accanto a questo bisogna lavorare sul tema della formazione. Servono istituti tecnici statali che possano formare personale specifico».

Ultimo aggiornamento: 10:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci