Mercoledì 13 Marzo 2019, 22:35

Venditori abusivi a San Marco: tornano le intimidazioni

PER APPROFONDIRE: abusivi, minacce, san marco, venezia
Venditori abusivi a San Marco:  tornano minacce e intimidazioni

di M. F.

VENEZIA L’inverno sta finendo, la sorveglianza speciale dei giorni di Carnevale è ormai acqua passata e, in men che non si dica, piazza San Marco è tornata a riempirsi di venditori abusivi del Bangladesh. In spregio al divieto di esercitare la vendita itinerante in tutta la città e soprattutto al divieto di vendita di grano in piazza, per il quale ormai da più di 10 anni i venditori regolari sono stati allontanati, questi individui continuano a lavorare, incuranti della presenza delle forze dell’ordine.
METODI ILLEGALI
Ma c’è di più: i loro metodi spesso sfiorano l’estorsione, in quanto mettono amichevolmente il grano nelle mani di ingenui turisti soprattutto del Medio e dell’Estremo Oriente o di bambini e poi, prima con le buone e poi con le minacce si fanno consegnare somme che vanno dai 5 ai 20 euro.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Venditori abusivi a San Marco: tornano le intimidazioni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 38 commenti presenti
2019-03-15 11:56:08
Gran calma. Fake news! Non e' vero.
2019-03-14 21:59:27
e pagano pure il tiket di ingresso con tutto l'arsenale addosso alla faccia dei controlli
2019-03-14 17:31:47
i vigili li prendono, poi li denunciano, la magistratura li lascia liberi di tornare a delinquere. Sembra un titolo di uno di quei film degli anni '70 con Maurizio Merli del genere "poliziottesco"
2019-03-14 15:42:54
se li volete beccare dovete venire in borghese e non in divisa....cio' me ve devo insegnar mi el mestier?
2019-03-14 15:36:50
Mi piacerebbe leggere un saggio scritto da qualcuno onesto e politicamente disinteressato sul perchè certe città (Roma e Venezia per dirne due...) sono in preda all'anarchia e altre no. Ero a Bolzano per una riunione aziendale e la sera i titolari ci portano a cena in un locale tipico. Ne usciamo tardissimo e ci avviamo a piedi verso l'albergo. Centro tranquillissimo. Ma mi colpisce una giovane donna che da sola inforca la bicicletta per tornarsene a casa. Faccio presente che dalle mie parti la cosa è praticamente inimmaginabile. E mi dicono che lì è la normalità. E SI PUO' FARE....