Ponte della Libertà, il sindaco Brugnaro: dobbiamo raddoppiarlo

Martedì 22 Novembre 2016 di Raffaele Rosa
Il Ponte della Libertà visto da Venezia
56
VENEZIA - Un raddoppio del ponte della Libertà, con una corsia parallela a sbalzo sulla laguna. Il sindaco Luigi Brugnaro torna a guardare al futuro dell'utilizzo del tram sul ponte, dopo una riunione ieri con l'amministratore delegato di Avm Giovanni Seno e l'assessore alla mobilità Renato Boraso, alla luce dell'ultimatum del ministero delle Infrastrutture che minaccia di sospendere il siluro rosso per i guasti all'alimentazione sul ponte. «Creare una corsia prioritaria secondo me oggi sarebbe peggiore come risultato finale - premette Brugnaro - non sarebbe furbo, creerebbe un blocco continuo. In prospettiva però con una struttura finanziata da privati, penso invece ad un ponte parallelo, un secondo percorso a due tre metri di distanza ma collegato al ponte Littorio per scaricare il traffico veicolare e pedonale. Sia chiaro, non allargo il ponte ma libererei il ponte della Libertà dando una valvola di sfogo importante. C'era un progetto finanziato da privati dove si poteva mettere anche una serie di isole pedonali, e si poteva girare con mezzi elettrici. Quella è un'idea che mi piace». 

  Ultimo aggiornamento: 16:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA