Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Plateatici esagerati in centro storico, blitz dei vigili e locale multato di mille euro

Martedì 12 Aprile 2022 di Nicola Munaro
VENEZIA *Gli assessori Sebastiano Costalonga ed Elisabetta Pesce durante controlli dei plateatici
3

VENEZIA - L’avevano annunciato, poi l’impegno preso era stato sottolineato venerdì sera dall’assessore alla Sicurezza, Elisabetta Pesce, e dal suo collega al Commercio, Sebastiano Costalonga, con una passeggiata tra calli e fondamenta del centro storico per verificare il rispetto della nuova normativa su plateatici e occupazione del suolo pubblico: cioè il ritorno agli spazi pre-Covid e il ridimensionamento dello spazio per i tavolini di bar e ristoranti

Tolleranza zero, si era detto. E tolleranza zero è stata anche all’atto pratico con la prima (salata) multa staccata ieri pomeriggio, a nemmeno quindici giorni dalla fine dell’emergenza dettata dalla pandemia e dall’entrata in vigore della delibera di Giunta numero 54/2022 del 31 marzo in linea con quelle del Governo che - in fatto di plateatici e concessioni in deroga agli esercizi pubblici - riportavano lo stato dell’arte al febbraio 2020.

PUGNO DI FERRO
Nel sopralluogo di venerdì sera non tutto era andato a buon fine e alcuni locali nelle zone più calde della movida veneziana erano stati trovati con i plateatici ancora allargati. Il caso più eclatante quello di un locale in Fondamenta degli Ormesini che stava servendo i propri clienti come se le regole non fossero mai cambiate. La prima notifica ai titolari del bar era così arrivata venerdì sera da parte della polizia locale: li obbligava a rispettare le nuove (vecchie) norme all’istante. Una seconda raccomandazione era arrivata nel tardo pomeriggio di domenica, a chiusura dell’ennesimo controllo in fondamenta. Nonostante le doppie indicazioni ieri mattina la situazione non era cambiata di una sola sedia. Tavolini, panche e sgabelli continuavano a imperversare anche sotto la vetrina, cosa vietata in Fondamenta Ormesini. Inevitabile, è arrivato il conto: oltre mille euro di multa e l’ennesima raccomandazione al rispetto della delibera. 

ANCORA CONTROLLI
La sanzione di ieri rischia di essere l’anticipazione di quanto potrebbe accadere nei prossimi giorni. La passeggiata dei due assessori, affiancati dagli agenti di polizia locale, aveva evidenziato più di una difficoltà nel tornare alla condizione della pre-pandemia: maggior plateatico vuol dire più clienti e quindi un più alto guadagno. Ma ora che le regole hanno cancellato l’emergenza vissuta, vanno fatte rispettare, nessuno escluso. Situazioni simili a quella vista agli Ormesini sono state segnalate in Riva del Vin, in campo Santa Margherita (lato campo San Pantalon) e anche in via Garibaldi: in tutti i casi sono state fatte partire le segnalazioni e le indicazioni che verranno verificate nei prossimi giorni, a sorpresa. 
«Alla polizia locale, come indicato nel deliberato - aveva annunciato un comunicato di Ca’ Farsetti - il compito di verificare eventuali criticità anche in riferimento alla pubblica sicurezza o all’ordine pubblico e di ordinare la modifica dell’occupazione di suolo pubblico così come, nei casi più gravi, la sospensione o la cessazione della stessa».
 

Ultimo aggiornamento: 13 Aprile, 16:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci