Morgan a Venezia per registrare il nuovo programma Shine in Venice: «Mare e case, gradini e mare, è la città più bella del mondo»

Domenica 11 Luglio 2021 di Riccardo Petito
Morgan a Venezia per registrare il nuovo programma Shine in Venice: «Mare e case, gradini e mare, è la città più bella del mondo»

VENEZIA - Una passeggiata notturna per la città, nuovo look con capelli virati al viola, e una considerazione dal bordo di una riva cittadina: «Mare e case, gradini e mare, Venezia è la città più bella del mondo».
Morgan, al secolo il musicista milanese Marco Castoldi, è tornato nei giorni scorsi nella città lagunare per registrare una puntata del progetto audiovisivo Shine in Venice, che andrà in onda il prossimo 15 settembre sulla piattaforma streaming Olzemusic TV (olzemusic.com/olzetv), facente parte del gruppo Sky. Progetto ideato e realizzato dall'eclettica Numa Echos, musicista, performer, scrittrice e poetessa di origini venete: «Avevo conosciuto Morgan durante la mia permanenza milanese - esordisce - e quando l'ho contattato ha subito accettato di essere ospite del mio programma, che mescola importanti musicisti italiani e location veneziane, nello specifico Palazzetto Pisani un hotel che si trova a pochi passi dal Conservatorio Benedetto Marcello».


Durante il tragitto in barca, per raggiungere Palazzetto Pisani, Morgan ha intrattenuto i presenti con versioni personalizzate di David Bowie e Billy Idol, eseguite con un ukulele che ha sfoggiato durante l'intera permanenza. Da sempre, l'artista milanese si contraddistingue per un eclettismo musicale assai raro tra i colleghi italiani, affiancato (a partire dal burrascoso divorzio da Asia Argento) da una vita privata particolarmente sotto i riflettori. Con scelte discusse ma sempre di grande visibilità, come l'ultima notizia che lo vedrà fra i partecipanti alla prossima edizione Rai di Ballando con le stelle, nella quale aveva già partecipato come ospite esibendosi in un tango. Un suo brano solista, Altrove, meriterebbe sicuramente un posto tra i grandi classici italiani, di cui è grande estimatore, a partire da Sergio Tenco al quale ha dedicato un recital. L'intero repertorio del suo gruppo storico inoltre, i Bluertigo (da tempo si parla di reunion, più volte confermata pure da alcune foto ma sempre rimandata) andrebbe inoltre rivalutato nel segno della complessità compositiva e utilizzo all'avanguardia dell'elettronica.


A Palazzetto Pisani, ripreso dal cameraman Alessandro Russo e dal fotografo Andrea Lux Ferre, Morgan ha interpretato suoi brani e alcune cover («Meglio non dire quali, si è infatti riservato di selezionare personalmente il repertorio prima della messa in onda», prosegue Numa Echos) affrontando poi nell'intervista questioni non solo musicali. «Dal valore della parola, all'impoverimento del linguaggio odierno e sull'involuzione digitale - conclude l'autrice - parlando del suo audiolibro recentemente uscito, che mescola musica, parole e immagini, e concludendo su possibili forme di sensibilizzazione all'arte per le nuove generazioni». Morgan ha inoltre ribadito un forte legame con la città di Venezia: qualche anno fa, all'Abbazia della Misericordia in occasione di un evento artistico, fortunati presenti ricordano ancora un suo concerto di rara intensità.

Ultimo aggiornamento: 11:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA