Morto al rave party, la mamma
di Federico attacca anche il parroco

PER APPROFONDIRE: droga, martellago, pordenone, rave party
Morto al rave party, la mamma
di Federico attacca anche il parroco
MARTELLAGO - «Nostro figlio non è quello descritto dai media: non si possono sputare sentenze senza conoscere i fatti». A parlare, furibondi per come giornali e tv hanno trattato la tragedia, e con chi l'ha commentata, i genitori di Federico Diana, il 19enne di Martellago deceduto domenica notte per un «presunto» cocktail di alcool e sostanze psicotrope assunto al rave party non autorizzato di San Vito al Tagliamento. «Non avremmo mai pensato di trovarci in una situazione simile: sopravvivere al proprio figlio, tanto più se l'unico, è terribile, e non è da augurare a nessuno. Ma dover anche sentire anche tutto quello che si dice in questi giorni, di noi e Federico, è un'altra ferita profonda che si aggiunge a quella che già dobbiamo sopportare» lamenta la mamma, che ne ha per tutti. 

 
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 26 Luglio 2016, 09:24






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Morto al rave party, la mamma
di Federico attacca anche il parroco
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 39 commenti presenti
2016-07-27 10:30:15
E' una mamma che parla, e di fronte alla morte di un figlio fate silenzio e soprattutto portate rispetto.
2016-07-27 06:18:07
Uno che frequenta i rave party, cosa è ?? Capisco la tragedia, ma in questo caso un esame di coscienza non guasta..altro,che darle colpa ad altri. Cari genitori, qui la responsabilità è anche vostra, purtroppo!! Un abbraccio
2016-07-26 21:52:07
Occio che adesso è colpa di qualcuno, del prete magari...
2016-07-26 20:04:08
monica b.d.b. 2016-07-26 16:47:14, Nella mia precedente 2016-07-26 11:43:07,"... Poi il dolore di mamma è una cosa che non va mischiata col fattaccio". Evidentemente non ho sviluppato separatamente i due concetti per non dilungarmi, in cui l'empatia sta nel" Poi il dolore di mamma è una cosa", e il "fattaccio" sono appunto le circostanze della morte, esprimere il proprio pensiero non vuol dire per forza giudicare, la realtà oggettiva resta tale, ed essa viene spiegata dalla posizione in cui si trova l'osservatore, basta mettersi d'accordo da quale posizione vederla e si parlerà la stessa lingua.
2016-07-26 19:58:50
@ monica b.d.b. 2016-07-26 13:15:23: ho letto molto volentieri il tuo commento. Comunque mi dispiace per il dolore immenso che soffoca quella sfortunata madre, e non voglio entrare nel merito su come si sia espressa. A chi si prodiga di regalar consigli, io direi di farlo in un'altro momento.