50mila metri quadri di bacino acqueo, 6mila di padiglioni

PER APPROFONDIRE: salone nautico 2019, venezia, yacht
50mila metri quadri di bacino acqueo, 6000 di padiglioni

di Tomaso Borzomì

Cinquantamila metri quadri di bacino acqueo, 6mila metri quadri di padiglioni, oltre cinquanta imbarcazioni tra i quindici e cinquanta metri e oltre cento espositori di imbarcazioni da diporto dell'indotto e accessoristica nautica. È questo, in sintesi, il Salone nautico 2019. Un evento della durata di sei giorni (18-23 giugno) che racchiuderà all'Arsenale l'eccellenza nautica mondiale.
Saranno tre gli ingressi da cui sarà possibile accedere, l'ingresso numero 1, quello situato alla fermata dei Bacini (Arsenale Nord), sarà raggiungibile con le linee 4, 5 e alilaguna. Il secondo, invece, prevede l'ingresso dal Giardino delle Vergini, la parte più a Est dell'Arsenale. Mentre il terzo, il Padiglione delle Navi, prevede l'ingresso poco distante dalla fermata dell'Arsenale, raggiungibile grazie alle linee 1, 4, Alilaguna e la linea diretta istituita appositamente dalla ferrovia. Da quest'ultimo ingresso sarà possibile osservare da subito natanti storici, militari e barche tradizionali veneziane.
Davanti al piazzale della Campanella sarà presente un Ponte in cui saranno visibili imbarcazioni grandi dai dieci ai cinquanta metri di lunghezza. Proseguendo il viaggio all'interno del Salone, dall'area della Marina militare ci si potrà trasferire nell'area Scali, dove i visitatori potranno dedicarsi a quella che è definita Marine edutainment area. Un'area dedicata all'aspetto educativo e di intrattenimento, in cui sarà visitabile il sottomarino Enrico Dandolo, alcune esposizioni all'aperto e la mostra «Marittima ieri e oggi», vicino a cui è prevista l'area relax. Nella stessa zona ci saranno anche imbarcazioni a vela, vela al terzo e di voga alla veneta.
Nella vicina Tesa delle Nappe sarà possibile assistere a esibizioni al chiuso, di fronte ad un'area ristoro e una dedicata allo shopping. Tra questa tesa e l'ingresso numero 1 si potrà visitare l'area dedicata all'arte, in occasione della Biennale Arte 2019, con le Tese 94-99-100 che ospiteranno, rispettivamente, In Dante Veritas, Building Bridges e Point of interrupted departures. Proprio a ridosso dell'ingresso c'è anche la sede del Cnr, davanti al quale ci sarà il Main Yacht Riviera, lungo la Banchina della Novissima, un'area dedicata alle imbarcazioni da dieci a cinquanta metri di lunghezza che dà sulla Darsena Grande.
Nella stessa zona, che ospita anche un ristorante, ci sono gli uffici per la stampa, un punto Mose nell'edificio 63, gli uffici del Consorzio Venezia Nuova e quelli di Thetis, con il vicino Spazio Thetis. Ma anche la Sala modelli, in cui c'è la sala conferenze che ospiterà la mostra Vivere sull'acqua.
Proseguendo verso Est si potrà vedere la torre di Porta Nuova, in cui c'è una sala congressi, ma anche la sala comandi del Mose, nella Mose Control Room e, alla Tesa 113, la fondazione Muve propone l'esibizione Arena Tech Lab, vicino ad un altro punto shopping in cui poter acquistare i ricordi del Salone 2019. Infine, è previsto uno spazio dedicato alla mostra su Il trasporto pubblico a Venezia, ma, nel Bacino di Carenaggio piccolo, ci sarà anche uno spazio dedicato alle imbarcazioni più piccole di dieci metri nel Mare Laguna Outdoor Exhibition. Da ultimo, proprio di fronte all'ingresso del Giardino delle Vergini, ci sarà anche l'area Sala macchine di pompaggio in cui si potrà vedere come avviene il restauro di imbarcazioni tradizionali.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 12 Giugno 2019, 05:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
50mila metri quadri di bacino acqueo, 6mila di padiglioni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti