Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La strada è del Comune, ma le tasse le pagano i residenti: mai registrato il passaggio di proprietà

Martedì 16 Agosto 2022 di Diego Degan
La strada è del Comune, ma le tasse le pagano i residenti: mai registrato il passaggio di proprietà
1

CAVARZERE - Una strada pubblica realizzata su suolo formalmente privato e i proprietari di quel sedime che pagano le tasse al posto del Comune: un paradosso che dura da oltre 20 anni e che, forse, ora verrà risolto. È una delle tante piccole storie che danno il senso di come, negli anni, si sia scavato un solco tra gli amministratori della cosa pubblica e gli amministrati. Era il 1998 quando il Comune decise di realizzare una strada sotto-arginale a San Gaetano, sulla sinistra del Gorzone, dal civico 1 al 19 della via che porta il nome della frazione. Lo scopo era eliminare la maggior parte delle rampe che portavano sulla strada arginale, la Provinciale 4, e rendere più sicura l'immissione dei residenti su tale strada. Ma il Comune aveva bisogno della titolarità dei terreni da occupare e, come sempre, pochi soldi per pagarli, per cui chiese ai residenti di cederli gratis, per una larghezza di 5 m. ai piedi dell'argine assumendosi anche le spese di frazionamento dei mappali. Il Comune, avrebbe provveduto, a sue spese, alla registrazione del cambio di proprietà e a fare la strada. I residenti accettarono e, nel giro di un anno, fecero i frazionamenti e firmarono, in municipio, la cessione gratuita dei loro terreni. Poi la strada fu realizzata.


LA BEFFA
Tutto bene, dunque? Macché, perché il Comune si dimenticò, allora e per i vent'anni successivi, di registrare il passaggio di proprietà, cosicché i donatori hanno continuato a pagare, su quei mappali ceduti e mai più da loro utilizzati, le tasse del Consorzio di bonifica. Quasi sempre pochi euro, su cartelle che comprendevano appezzamenti ben più vasti, per cui quasi nessuno se ne era reso conto, credendo, dopo la firma in municipio, che tutto fosse sistemato. Qualcuno degli interessati, invece, era consapevole dell'incompiutezza dell'atto e si era pure rivolto alle successive amministrazioni, ma non aveva ottenuto altro che vaghe promesse di esaminare il problema. Alcune settimane fa, però, l'annosa questione è stata riproposta al consigliere Andrea Fumana (Sinistra italiana) il quale, dopo aver raccolto dai privati (in municipio, a quanto pare, non c'è più nulla) tutta la documentazione necessaria, ha preparato un'interrogazione, con la quale chiede all'attuale Amministrazione (il cui vice sindaco, Pier Luigi Parisotto, era sindaco all'epoca) «se intenda sanare, quanto prima, questa mancanza dell'atto pubblico di acquisizione» che ha penalizzato numerose famiglie.
 

Ultimo aggiornamento: 17:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci