Liliana Resinovich morta il giorno della scomparsa: le condizioni del corpo compatibili con questa ipotesi

Lunedì 24 Gennaio 2022
Liliana Resinovich
1

TRIESTE - La morte di Liliana Resinovich potrebbe risalire al giorno in cui la donna è scomparsa dalla sua abitazione, il 14 dicembre. A quanto si apprende, le condizioni in cui è stato ritrovato il cadavere, il 5 gennaio, sarebbero compatibili con una morte avvenuta diversi giorni prima. Proseguono intanto le indagini condotte dalla Squadra mobile e coordinate dalla Procura, in attesa degli esiti degli esami tossicologici. Non è stata esclusa l'ipotesi di un suicidio. 

Il corpo in due sacchi neri

Il cadavere è stato trovato tra la vegetazione del parco dell'ex ospedale psichiatrico di San Giovanni - non lontano dall'abitazione che Resinovich divideva con il marito, Sebastiano Visintin - infilato in due sacchi neri a formarne uno. La testa era avvolta in due sacchetti di plastica trasparenti. Lo stato in cui è stato trovato, viste anche le condizioni meteo del periodo invernale e una relativa protezione data dai sacchi neri, potrebbe essere compatibile con una morte avvenuta una ventina di giorni prima

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci