Il giudice: «Mihail resta in cella: potrebbe scappare e uccidere ancora»

Il giudice: «Mihail resta in cella,
può scappare e uccidere ancora»

di Angela Pederiva

TREVISO - Non solo potrebbe scappare, ma potrebbe pure uccidere ancora. È duplice la motivazione con cui il gip Bruno Casciarri ha convalidato il fermo e disposto la custodia in carcere di Mihail Savciuc, il 19enne che domenica 19 marzo a Vittorio Veneto aveva ammazzato la sua ex Irina Bacal, 20enne al sesto mese di gravidanza. (...) L'aspetto più inquietante della storia è che il ragazzo potrebbe macchiarsi nuovamente di un simile reato. Osserva al riguardo Casciarri: «Il fatto si appalesa di estrema gravità per la giovane età della vittima, il suo stato di avanzata gravidanza, il rapporto affettivo preesistente, per i motivi il Savciuc voleva impedire che Irina rivelasse la gravidanza , per le modalità efferate, in particolare lo strangolamento quando la giovane era già esanime a terra, indice di una personalità incline alla violenza, nonostante la giovane età. Tutti questi elementi fanno ragionevolmente ritenere che vi sia il pericolo concreto e attuale di gravi reati con l'uso della violenza, tenuto conto che lo stesso Savciuc ha parlato di raptus e non è stato in grado di spiegare un gesto così brutale e sproporzionato»...

 
 
 
 


L'assassino viene condotto in carcere
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 27 Marzo 2017, 08:49






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il giudice: «Mihail resta in cella: potrebbe scappare e uccidere ancora»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 20 commenti presenti
2017-03-27 20:07:22
Vedremo quanti anni daranno a questa risorsa dopo li confronteremo con quelli che hanno dato a chi ha assassinato Jennifer
2017-03-27 18:49:49
Peccato che da noi l'ergastolo corrisponda sì e no a 7 anni più in paio di ospitate dalla d'urso di turno...
2017-03-27 15:58:39
Appero' Meno male che c'e' un giudice che giudica che un assassino per sfuggire alla pena "potrebbe" anche scappare. E, magari, fuggendo, assassinare qualcuno. Con questa "giustizia" che bisogno abbiamo dell'inferno ?
2017-03-27 14:25:50
Sono le leggi ad esser fatte male, e i magistrati dovrebbero essere i primi a protestare...
2017-03-27 19:29:58
pecché protestare??? oramai le linee politiche sono loro a stabilirle, poi han dalla loro parte un buon 30% che si nasconde dietro un "ningun tocchi caino", e, indirettamente, un buon 40% che incolpa esclusivamente gli avvocati. non sono così maghi di darsi zappate sui piedi. adios;))))