Passeggia in città con il cane senza guinzaglio: multa da 150 euro

Sabato 4 Gennaio 2020
Passeggia in città con il cane senza guinzaglio: multa da 150 euro
1
TREVISO - Il team anti-degrado tiene sotto particolare controllo anche la gestione dei cani, soprattutto nei luoghi pubblici. E, poco prima di Natale, in piazzale Burchiellati, un residente si è visto appioppare una multa da 150 euro per aver portato a spasso il suo cane di taglia media senza guinzaglio, cosa vietatissima. Una pattuglia di vigili in borghese ha prima notato il cane aggirarsi tranquillo nella pizza, ma libero. Poi ha individuato il proprietario, che non sembrava curarsi troppo della cosa. E lo hanno stangato: 150 euro. 

Struzzi a spasso per le calli: arrivati in treno, andata e ritorno da San Donà seduti in carrozza

LA REGOLA
In città, il cane può essere portato a passeggio solo col guinzaglio. Che non deve essere troppo corto, per non creare disagio all'amico a quattro zampe, né troppo lungo. Assolutamente vietato tenerlo libero, anche se il cane è perfettamente educato e non si allontana mai dal proprietario. La polizia locale sarà sempre più severa nel far rispettare queste regole, così come l'obbligo di raccogliere le deiezioni che ancora troppo spesso tanti proprietari distratti si dimenticano di fare. Le multe previste sono salatissime. Altro discorso riguarda i maltrattamenti, per cui oltre alla multa si rischia anche la denuncia penale, e le condizioni generali di vita dei propri animali da compagnia. La giunta, con gli ultimi inasprimenti, ha dimostrato una certa sensibilità in materia: al netto delle situazioni penalmente rilevanti, chi tratta male i propri compagni a quattro zampe si vedrà appioppare sanzioni fino a 400 euro. 

LA LOGGIA
Migliora invece la situazione sotto la loggia dei Cavalieri. Dopo la multa data a uno studente beccato a mangiare seduto sul parapetto, cosa vietata con la variazione del regolamento di Polizia Municipale, non c'è più stata nessuna segnalazione. Negli ultimi due mesi, quindi da novembre, si sono ridotte praticamente a zero le rimostranze di negozianti e residenti che spesso e volentieri si lamentavano dei gruppi di ragazzi che stazionano attorno alla loggia. È vero che le iniziative della Loggia incantata hanno ridotto di molto i momenti in cui lo storico monumento è vuoto, ma è altrettanto vero che in passato, nei periodi in cui non c'erano attività, la frequentazione non mancava. Invece, dopo la collocazione dei due cartelli che spiegano cosa non si può fare, la situazione sembra migliorata. Ma la prova del nove la si avrà solo con l'inizio della bella stagione, quando la presenza dei gruppi di ragazzi in città normalmente aumenta.
P. Cal.  Ultimo aggiornamento: 13:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA