Chies-Garbellotto, il ballottaggio spacca il Pd: i militanti allergici alle indicazioni di voto della segreteria

Giovedì 7 Ottobre 2021
Fabio Chies e Piero Garbellotto

CONEGLIANO - Partito Democratico in fibrillazione in vista del ballottaggio tra Piero Garbellotto e Fabio Chies. Da una parte la segreteria provinciale che, dovendo scegliere, sarebbe più propensa a sostenere Chies; dall’altra i Dem coneglianesi che preferirebbero non dare alcuna indicazione. E sia Garbellotto che Chies, per essere sicuri di diventare sindaco, avrebbero bisogno di quel poco meno del 25% di voti presi da Francesca Di Gaspero, candidata del centrosinistra, sostenuta dalle liste Noi Democratici e Progettiamo Conegliano. Nella prima è predominante la componente del Partito Democratico, ma ci sono anime di Azione e Articolo Uno; in Progettiamo Conegliano sono confluiti i Cinque Stelle e i Verdi. Garbellotto, appena saputo il risultato delle urne, ha subito strizzato l’occhio a Di Gaspero, affermando che il programma della sua coalizione e quello della Di Gaspero hanno molti punti in comune. Affermazione che ha alzato la tensione nel centrosinistra, dove si sono rizzati i capelli di più teste a sentire le parole del candidato sostenuto da Lega e Fratelli d’Italia, che sono quanto di più politicamente lontano si possa pensare.

LA SEGRETERIA
Giovanni Zorzi, segretario provinciale Pd, è molto chiaro: «Non possiamo essere accostati alla Meloni. La Lega può anche fare l’occhiolino, ma è difficile conciliare le posizioni con chi da una parte ci dice di andare con loro e dall’altra fa trapelare che in caso di vittoria il vicesindaco potrebbe essere proprio di Fratelli d’Italia». Il Pd scioglierà le riserve entro la fine della settimana: «Quel che è certo è che la presenza del Pd è determinante anche a Conegliano – conclude Zorzi – in ogni caso, è paradossale che arrivi una richiesta di cambiamento proprio dalla parte che ha governato con lo stesso Chies e che con Zambon negli ultimi anni ha fatto il bello e il cattivo tempo a Conegliano». Ma sono tanti i piani che si stanno incrociando. Di Gaspero e Garbellotto, per esempio, si conoscono sin da quando erano giovani studenti, ma questo ovviamente non è sufficiente al fine di stringere accordi elettorali in cui le rispettive coalizioni sono politicamente lontane anni luce. Difficile parlare di sostegno, Di Gaspero sarebbe più dell’idea di non appoggiare nessuno. Sulla carta Sembrerebbe meno impossibile un sostegno a Fabio Chies, anche se i due candidati di Noi Democratici più votati, Isabella Gianelloni e Alessandro Bortoluzzi, sono stati due degli ex consiglieri che hanno contribuito a far cadere la giunta Chies.

LE INDISCREZIONI
«Si stanno rincorrendo voci su presunti accordi già presi, le smentisco categoricamente – afferma Di Gaspero – Non c’è alcun accordo». Il tema non l’appassiona, dice la candidata del centrosinistra, probabilmente anche perché la pressione è tanta. Martedì sera c’è stato un incontro tra Noi Democratici e i vertici provinciali del Pd, nel quale il segretario Giovanni Zorzi si sarebbe espresso a favore del sostegno a Chies per arginare l’avanzata della destra di Fratelli d’Italia. Tuttavia sembrerebbe che Di Gaspero abbia affermato la sua posizione neutrale, quindi nessun appoggio, nel rispetto degli elettori ai quali si è presentata come alternativa e novità rispetto a chi amministra Conegliano da trent’anni. «Mi sono candidata in rappresentanza di due liste – dice Di Gaspero – bisogna ascoltare tutti, mi sento in dovere di rispettare le idee di tutti. Comunque non sono io che decido, ma sono gli organismi politici che fanno gli accordi». Stesso pensiero di Isabella Gianelloni: «Non spetta a me decidere». La candidata più votata in assoluto (con 332 preferenze), seconda solo a Claudio Toppan (395 voti), tiene tuttavia a precisare che «non ho ricevuto chiamate e nemmeno richieste d’incontro. Tengo molto al mio partito, alla lealtà, e non è nelle mie corde fare chiacchiere inutili o polemiche. Detto questo, ho il mio pensiero che tengo per me».

PROGETTIAMO CONEGLIANO
Nemmeno Progettiamo Conegliano si sbilancia. «Dobbiamo ancora trovarci con Noi Democratici – afferma Alberto Ferraresi – Al momento non è stata presa alcuna decisione. Escludo l’ipotesi di dire ai nostri elettori di non andare a votare, perché sono per esercitare il diritto di voto, ma al più lasceremo la libertà di scelta in coscienza».
 

Ultimo aggiornamento: 08:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA