Sale cinema ai titoli di coda a Rovigo: tra green pass, limitazioni e ferie è crollo di spettatori

Mercoledì 18 Agosto 2021 di Marco Scarazzatti
Pochi spettatori al cinema Notorious

ROVIGO - Da oggi al Notorious cinemas di Rovigo inizia la programmazione post Ferragosto. Negli ultimi dieci giorni le presenze in sala sono state tra le 60 e le 100, gli effetti dell’entrata in vigore del green pass si sono fatti sentire. L’introduzione del certificato ha fatto crollare presenze e incassi nelle sale che in quest’estate di ripartenza avevano puntato soprattutto su film di forte richiamo per i giovani. Questi ultimi sono in gran parte ancora in attesa di vaccinazione e quindi privi del documento. I cali di spettatori fatti registrare nelle multisale italiane vanno da un minimo del 55% a un massimo del 90%.

CROLLO DI PRESENZE

A Rovigo, per fornire dei numeri, giovedì 5, il giorno prima che partisse il provvedimento del Governo, gli spettatori che avevano assistito agli otto film proiettati a Rovigo dal tardo pomeriggio fino quasi a notte, erano stati 471. Da venerdì 6 a martedì 10, il pubblico che si è recato nelle sale del Notorious, è stato di 600 persone. Quindi solamente 129 in più, ma spalmate su cinque giorni. A Rovigo le presenze medie sono state sull’ordine del centinaio in un giorno. Davvero poche, anche considerando il periodo vacanziero. In pratica si sono persi 400 spettatori giornalieri, rispetto all’inizio promettente di agosto. All’appello mancano i giovani, che stanno iniziando a vaccinarsi, ma non possono ancora avere il pass.
«Abbiamo già registrato un calo pari al 60% rispetto alla settimana precedente - segnalano dalla direzione commerciale della sede di Milano del Notorious - non possiamo, però, fare un raffronto con quello che era stato l’andamento dello scorso anno in questo periodo, dato che eravamo chiusi (e il multisala era stato riaperto nell’inverno precedente dopo l’incendio e il cambio di gestione, ndr). È un peccato, stavamo avendo un certo successo con gli ultimi film. Con l’arrivo di agosto e del picco del caldo, avevamo messo in conto che lo spettatore rodigino predilige solitamente andare al mare, ma il green pass non ci ha aiutati».
Qualche spettatore in più lo si è avuto tra sabato 14 e domenica 15, con la proiezione del film “Come un gatto in tangenziale 2. Ritorno a Coccia di Morto” di Riccardo Milani, con Paola Cortellesi, Antonio Albanese, Luca Argentero, Claudio Amendola e Sonia Bergamasco.
«La nostra speranza è che ora l’affluenza degli spettatori possa aumentare, grazie al ritorno di “Fast and furious 9” con Vin Diesel, Lucas Black e Tyrese Gibson, che tanto successo stava avendo la scorsa settimana, fino appunto all’arrivo del green pass, e al film “Me contro te. Il mistero della scuola incantata”, con Sofia Scalia e Luigi Calagna».

REGOLE DA RISPETTARE

Nel frattempo sono stati installati dei pannelli luminosi, in italiano e inglese, dove sono riportate tutte le regole da osservare, con tanto di vignette: dalla corretta pulizia delle mani alla misurazione della temperatura corporea e la mascherina da indossare, per arrivare al distanziamento e all’uso del gel. In particolar modo la clientela viene avvisata sul nuovo corretto utilizzo delle scale mobili: per garantire il rispetto della distanza di sicurezza di almeno un metro, devono intercorrere cinque scalini. «Confidiamo che la gente possa capire che questa deve essere un’occasione per ripartire in maniera sicura, in un luogo pubblico - spiega il manager della multisala rodigina, Nicola Rosso - piuttosto che non venire al cinema. Al momento non è in programma un ampliamento del nostro staff, relativamente ai controlli da fare sui green pass e documenti da richiedere».
Tra gli addetti al controllo c’è Marco Guolo, che affianca il manager di sala Rosso in queste operazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA