Il sindaco: «Non celebrerò matrimoni
gay». Facebook gli chiude la pagina

Martedì 12 Luglio 2016
36
ROVIGO - Ha scatenato un putiferio  con le sue dichiarazioni sul "no" ai matrimoni gay e sulla "promessa" di non celebrare alcun matrimonio tra persone dello stesso sesso. Il dibattito su facebook ha raggiunto livelli e dichiarazioni al vetriolo e, su segnalazione di alcuni utenti, Facebook gli ha chiuso la pagina personale. Ma il sindaco di Rovigo, Massimo Bergamin, non demorde e ha riproposto l'intervista rilasciata a Repubblica  sulla pagina che gli resta, quella istituzionale di sindaco. 

«La Famiglia può essere solo una: l'unione tra un Uomo ed una Donna ha postato Bergamin -. E se un bel giorno si presentassero in tre? E se qualcuno viene qua con un cavallo e vuole sposare quello? Mai e poi mai, con la fascia da Sindaco, celebrerò un matrimonio tra due persone dello stesso sesso. Ci sono problemi più importanti da affrontare. Conseguentemente, per quanto mi riguarda, esistono solo Mamma e Papà. Genitore 1 e genitore 2 non è roba che mi riguarda». Ed ha annunciato la sua presenza a Mardimago di Rovigo, insieme al vescovo Pierantonio Pavanello, per la festa della famiglia. «Altro che gay pride» ha concluso il primo cittadino leghista.

Più moderato il dibattito scaturito dal suo post sulla pagina istituzionale: «In quanto cittadina italiana e di Rovigo mi piacerebbe molto se il primo cittadino della mia città non si astenesse dal rispettare le leggi dello Stato. Io le rispetto tutte, non scegliendo a mio personale piacimento quelle che preferisco rispettare e quelle su cui sorvolare» scrive una utente, tra diversi commenti dello stesso tenore. Il sindaco ha fatto sapere comunque che delegherà un assessore per le unioni civili più "delicate". Ultimo aggiornamento: 15 Luglio, 09:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci