Il New York Times stronca lo Spritz: «In realtà non è buono»

PER APPROFONDIRE: aperol spritz, new york times
Un bicchiere di Aperol Spritz, l'aperitivo che piace agli italiani
Qualche giorno fa l'articolo del New York Times aveva affondato lo Spritz. Uno dei simboli dell'aperitivo Made in Italy era stato letteralmente smontato dal quotidiano americano: «Non è un buon drink, si beve come un Capri Sun (una marca di succo di frutta, ndr) dopo un allenamento di calcio durante una giornata d'estate». «Non è un complimento», precisa poi la giornalista Rebekah Peppler, autrice dell'articolo.

Alcol, a rischio quasi 9 milioni di italiani: cresce il consumo tra i giovani

Ancora oggi, sulle timeline delle pagine Facebook, gli amanti dell'Aperol Spritz si confrontano su un giudizio particolarmente pesante. Rebekah Peppler non nega le qualità del drink, come la sua effervescenza, ghiacciato al punto giusto ed accompagnato da una fetta d'arancia che sembra un tramonto di 'Planet Earth' (un documentario, ndr), ma completa la "recensione" dicendo che «c'è un problema però, Aperol spritz in realtà non è buono».

E non manca di sottolineare che l'aperitivo zuccheroso viene servito in bicchieri giganti marcati e accoppiato con prosecco di bassa qualità, club soda e una fetta d'arancia troppo grande. Un'altra americana, Katie Parla, una scrittrice che vive a Roma rincara la dose. «Aperol non è il mio aperitivo preferito - dice -. Preferisco qualcosa di più amaro. Manca della complessità di alcuni (drink, ndr) di altri concorrenti».


Tuttavia il popolo dell'Aperol Spritz non ci ha messo molto ad insorgere e i commenti sui social media si sono susseguiti a migliaia. «Ecco un altro esempio di una grandezza italiana ridotta ad un'unica misura dagli americani - si legge su Facebook -. Se non riuscite a fare qualcosa nel modo giusto è ovvio che non ha il giusto sapore. Godetevi i vostri spaghetti con le polpette» (un popolare piatto italoamericano). La rivista "Food & Wine" su Twitter ha invece lanciato 'Team Aperol Spritz forever'. In difesa dell'Aperol anche la mixologist Lauren Tarzian. «Lo si può mischiare con tante cose - dice - il Prosecco, il vino frizzante italiano, club soda. Quando si prepara qualcosa con il gusto amaro dell'Aperol hai bisogno di sapori secchi. E lì che si ha il giusto equilibro del frizzante»
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 14 Maggio 2019, 12:07






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il New York Times stronca lo Spritz: «In realtà non è buono»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 32 commenti presenti
2019-05-15 10:47:52
Prosecco spento, Bitter, seltz, fettina d'arancia E BASTA !!!! Cosa ne sanno in USA !
2019-05-15 08:52:35
Comunque ci va l’oliva...
2019-05-15 08:09:52
Il vero spritz si fa solo con bitter,vino bianco ( mai prosecco ) acqua minerale e poco ghiaccio,arancia o limone non si usa.Bicchiere normale niente bicchierone.
2019-05-15 12:32:57
Già, quello di "una volta". Poi, si sa, le mode introducono le varianti più commerciali.
2019-05-15 06:57:17
Mescolare il concetto di REALTA' con quello di BONTA' (Realmente o non realmente o poco relamente...buono)non mi pare corretto in nessun campo, specialmente quello del gusto personale. "de gustibus Non est disputandum"..disse un gatto che leccava una cacca in una macelleria e intal modo mise a tacere un amico critico che gli indicava tutto il carname disponibile circostante.