Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Dramma a Braies, gruppo di turisti finisce nel lago ghiacciato: paura per un bimbo di 4 mesi Terzo incidente in 48 ore

Lunedì 18 Aprile 2022 di Redazione Web
Lago di Braies ghiacciato
19

BOLZANO  - In due giorni 14 persone sono cadute nelle acque gelide del lago di Braies, in Alto Adige, mentre camminavano sulla superficie ghiacciata resa fragile e più sottile dalle temperature in aumento degli ultimi giorni. Nella mattina di Pasquetta si è verificato l'incidente più grave che ha coinvolto, in diversi momenti, ben 7 adulti e un bambino di 4 mesi (non 7 come pareva in precedenza), poi trasportato d'urgenza alla clinica universitaria di Innsbruck. Il piccolo, che era in vacanza Alto Adige con i genitori, residenti nel Milanese, è stato poi giudicato fuori pericolo in serata.

Video

I coinvolti sono tutti turisti italiani che erano in gita sul lago, reso celebre da una nota serie televisiva. La prima a cadere in acqua è stata la famiglia con il piccolo di 4 mesi che stava passeggiando sul ghiaccio a circa 50 metri dalla riva e successivamente un'altra persona, un albanese di 44 anni, che ha visto la scena si è gettato in acqua per aiutarli riuscendo a tirare fuori il bambino e salvandogli così la vita. Tutti sono stati poi recuperati per fortuna ancora in tempo dai soccorritori, seppure in condizioni di forte ipotermia: anche i genitori del piccolo si trovano in ospedale. Le altre quattro persone coinvolte sono invece cadute in acqua in momenti diversi, sempre camminando sul ghiaccio. Oltre al bambino, anche un'altra persona è stata portata ad Innsbruck, mentre gli altri si trovano in tre strutture ospedaliere dell'Alto Adige. Si tratta del terzo, e più grave, incidente in due giorni sul lago di Braies: nella giornata di Pasqua, malgrado la segnaletica presente sul posto inviti a fare attenzione, i vigili del fuoco sono dovuti intervenire due volte per salvare alcune persone cadute in acqua mentre passeggiavano sulla superficie ghiacciata, resa più fragile e sottile dall'aumento delle temperature.

Nel primo caso a finire in acqua è stata una donna milanese che stava passeggiando con il cane, seguita dal marito 60enne e dalla figlia 30enne, caduti anche loro per cercare di aiutarla. Tutti e tre sono stati recuperati e portati all'ospedale di San Candido con ferite leggere e un principio di ipotermia. Altro intervento per tre giovani turisti di Udine che hanno sfondato il ghiaccio sulla sponda occidentale e sono stati salvati da alcuni passanti, rifiutando poi il ricovero in ospedale. Le forze dell'ordine provvederanno ora a delimitare l'accesso al lago.

Pasqua tragica anche in Trentino, dove Giovanni Bernabè è morto a soli 18 anni in ospedale, dove era ricoverato in gravissime condizioni da venerdì pomeriggio dopo una caduta di un centinaio di metri sulla via Perla Bianca, alle Placche Zebrate di Pietramurata, zona famosa per l'arrampicata. Bernabè stava affrontando la discesa in corda doppia insieme ad un compagno di cordata. Da una prima ricostruzione del Soccorso alpino, pare si trovasse in sosta e stesse attrezzando la corda doppia successiva quando è precipitato per circa 100 metri fino alla base della parete.

Ultimo aggiornamento: 19 Aprile, 13:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci