Fallimento Motorsport, stop alle consegne delle Bmw già pagate

PER APPROFONDIRE: bmw, chiesto, crac, dipendenti, mestre, motorsport
Crac Motorsport, stop alle consegne  delle Bmw già pagate: clienti beffati

di Alberto Francesconi

MESTRE - Si bloccano le speranze dei clienti della concessionaria Motorsport di ottenere i veicoli ordinati e pagati prima che la crisi travolgesse la società. Il Tribunale di Venezia ha dichiarato ieri il fallimento della società concedendo però l'esercizio provvisorio della stessa, con l'obiettivo di salvaguardare, se possibile, i posti di lavoro dei 58 dipendenti delle sedi del gruppo. La decisione si inserisce nella trattativa in corso con la casa madre Bmw, creditrice assieme alle banche di una somma che supererebbe i 40 milioni.

La casa madre a marzo si era detta disponibile a consegnare ai clienti, in virtù di un accordo di transazione, i veicoli attesi da mesi e pagati in anticipo alla srl di Mestre (con sedi anche a Portogruaro, Legnaro, Villorba e Belluno). L'ipotesi era stata però congelata dal giudice per  avviare la procedura di cessione del ramo d'azienda, che avrebbe consentito  alla società di proseguire l'attività e ai clienti di ottenere auto e moto griffate Bmw. La dichiarazione di fallimento da parte del giudice Alessandro Girardi (curatore il commercialista Roberto Ficotto) mira a verificare se questo scenario sia ancora praticabile, con la cessione del ramo d'azienda che consentirebbe di proseguire l'attività e salvaguardare il lavoro dei 58 dipendenti.


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 19 Maggio 2018, 05:04






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Fallimento Motorsport, stop alle consegne delle Bmw già pagate
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 41 commenti presenti
2018-05-27 07:25:18
C'è qualcosa che non va. Fare un buco di 40 MIL , per fare COMPRAVENDITA mi sembra troppo strano.
2018-05-22 11:46:27
Bisogna cambiare le regole, il concessionario pretende il pagamento prima della immatricolazione, se poi con varie scuse non la immatricola, hai perso tutto,sacrifici anni di risparmi etc.etc. Questo non può più essere accettato dai cittadini che fanno un acquisto e non sono salvaguardati. Vergogna.
2018-05-21 10:10:46
Io le auto le cambio ogni due anni le compro e pago in contanti alla consegna. non finanziamenti no contanti
2018-05-21 09:30:51
incredibile fare un buco del genere con un marchio di auto che si vendono molto bene...qui c'e'qualcosa sotto..
2018-05-20 12:39:11
E siamo ancora ai giudici che non si preoccupano di garantire chi è stato derubato, ma ideologicamente si preoccupa di salvaguardare i dipendenti, come se essere laureato in giurisprudenza gli dia capacità e conoscenze di economia! E si ergono a paladini della giustizia!