Teresa e Trifone, indagato militare
campano per l'omicidio: nessun alibi

Venerdì 25 Settembre 2015 di Cristina Antonutti
29

PORDENONE - A 6 mesi dal delitto dei fidanzati di Pordenone, finalmente c'è la prima svolta.

E' un commilitone campano di Trifone di 26 anni, G.R., residente a Pordenone, e non sarebbe ben chiaro il movente.

L'indagato sarebbe un ex coinquilino di Trifone Ragone. Vivevano insieme ad altri colleghi in un appartamento di Pordenone, prima che la vittima si trasferisse a convivere nel condominio di Via Chioggia, assieme a Teresa Costanza, pochi mesi dopo averla conosciuta. Il militare di 26 anni indagato non avrebbe un alibi per la sera e l'ora del delitto. L'uomo, che nel corso di questi sei mesi è stato ripetutamente sentito dagli investigatori, ha sempre affermato di trovarsi nella propria abitazione, da solo.

G.R. risiede in una delle strade centrali di Pordenone, arteria che dista, a piedi, una manciata di minuti dal Palazzetto dello Sport e dallo stesso laghetto dove i sommozzatori dell'Arma hanno rinvenuto il caricatore della pistola che potrebbe essere stata usata dal killer. Da quanto trapelato, la sua iscrizione nel registro degli indagati risalirebbe già a qualche giorno fa, ma è stata confermata solo stamani dalla Procura della Repubblica di Pordenone. L'uomo ha indicato un legale di fiducia e un perito che parteciperà ad alcuni rilievi irripetibili sul caricatore stesso.

Il caricatore ripescato nel laghetto del parco di San Valentino è compatibile con la vecchia Beretta 7,65 utilizzata per tendere l’agguato la sera del 17 marzo al caporal maggiore Trifone Ragone e alla sua fidanzata Teresa Costanza. La conferma è arrivata ieri.

Sul luogo del delitto l’unica traccia trovata restano i sei bossoli calibro 7,65. Quella sera il killer - che si è mosso nel buio parcheggio della palestra rapidamente e con una lucidità tale che in tanti hanno pensato a un professionista del crimine - è incredibilmente riuscito a uccidere senza lasciare tracce, farsi vedere dagli sportivi che stavano a pochi metri da lui, che hanno scambiato gli spari per petardi e non si sono accorti di presenze sospette.

Il caricatore ripescato nel laghetto è un modello monofilare che contiene più di sei colpi. Significa che l’assassino lo ha scaricato quasi completamente, che voleva essere sicuro di uccidere, cosa che ha fatto dimostrando sicurezza e abilità nel maneggiare la pistola. Una pistola Beretta realizzata prima della seconda Guerra mondiale, un ferro vecchio che in molti hanno definito la "pistola del nonno". Lo stesso procuratore Martani a suo tempo aveva sottolineato che l’arma avrebbe potuto anche incepparsi.

Serena Gasperini, legale della famiglia di Trifone spiega che «Il movente dovrà essere accertato, si ipotizza un alterco».

TUTTI GLI ARTICOLI SUL GIALLO

Ultimo aggiornamento: 26 Settembre, 08:29