Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bomba sul greto del Tagliamento, stop a treni e automobili

Sabato 13 Agosto 2022
Fermi treni e automobili per far brillare la bomba trovata sul greto del Tagliamento

FRIULI VENEZIA GIULIA - Statale 13 e ferrovia chiusi domenica mattina tra Codroipo e Valvasone Arzene per le operazioni di disinnesco di una bomba d’aereo M-34 di 2.000 libbre rinvenuta nel greto del Tagliamento l’8 agosto. Nei tavoli predisposti dalle Prefetture di Udine e Pordenone sono stati definiti gli ultimi aspetti dell’intervento, sono state concordate le modalità di neutralizzazione dell’ordigno e le misure di sicurezza che verranno adottate durante le operazioni. In particolare, le procedure tecniche di bonifica faranno capo al 3° Reggimento Genio Guastatori di Udine, che procederà al despolettamento e al successivo brillamento dell’ordigno. Tutto avverrà nel greto del Tagliamento a Codroipo.
 

L’ORDIGNO
Si tratta di una bomba d’aereo di fabbricazione statunitense risalente alla seconda guerra mondiale e già posta in sicurezza dai guastatori. Pesa 900 Kg. e contiene 550 Kg. di esplosivo costituito da amatolo (nitrato d’ammonio e tritolo). Veniva utilizzata per distruggere depositi di munizioni, convogli ferroviari e tutti i tipi di costruzioni. È stata ritrovava tra il pilone 25 e 26 dalla ditta che si sta occupando della manutenzione del ponte ferroviario e che sta operando con la massima prudenza, visto che la struttura è stata ripetutamente bombardata. Una volta individuato l’ordigno, solo stati allertati i guastatori, che lo hanno subito messo in sicurezza.
 

L’OPERAZIONE
Nel corso delle riunioni di coordinamento sono state previste le misure di sicurezza a tutela dell’incolumità della popolazione. Riguardano Codroipo, Valvasone Arzene, Casarsa e San Vito al Tagliamento. È stato disposto lo sgombero preventivo dei 22 persone che a Codroipo abitano nel raggio di 885 metri individuato dai guastatori per operare in totale sicurezza. L’intervento comincerà alle 7.30 di domani e dovrebbe concludersi entro le 9. Saranno interdetti accesso e circolazione di persone e di veicoli di ogni tipo sul ponte della Delizia e sul ponte ferroviario. Durante le operazioni di brillamento sarà sospeso anche il traffico ferroviario dalle 8 alle 9. Non saranno attivati servizi di bus sostitutivi perché la Pontebbana sarà inaccessibile all’altezza del bivio Coseat e in località Ponte della Delizia a Valvasone. Chiuse via Lusevera in località Copece, via Dogna e via Castelnovo del Friuli a San Vito; via Comunali di Mezzo all’incrocio con via Comunali sempre a San Vito.
 

VIABILITÀ ALTERNATIVA
Chi dovrà raggiungere Pordenone dovrà seguire la direttrice per Spilimbergo attraversando il ponte di Dignano e imboccando all’altezza del bivio Coseat la regionale 463 e, successivamente, la 464 all’altezza dell’abitato di Dignano; per raggiungere la bassa pordenonese potrà essere percorsa la ex sp 95 (Ferrata) fino a Morsano o Cordovado. Il cordone di sicurezza coinvolge Carabinieri, Polstrada e Polizia locale. In allerta anche la Sores, l’elisoccorso e i Vigili del fuoco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci