Movida in centro silenziata: doppia ordinanza del sindaco per fermare gli eccessi

Domenica 29 Maggio 2022 di Michelangelo Cecchetto
Movida in centro silenziata: doppia ordinanza del sindaco per fermare gli eccessi

CITTADELLA - Coniugare le esigenze del lavoro dei locali del centro storico e dello svago del pubblico con quelle della vivibilità per i residenti e del decoro degli spazi pubblici. Equilibri non semplici. A Cittadella c’è sempre stato un certo equilibrio, ma con il “liberi tutti” post pandemia, questo sembra essersi modificato, soprattutto per quanto riguarda i giovani in gruppo. Loro spazio “preferito” è l’area verde di Campo della Marta dove c’è anche il teatro all’aperto. Videosorveglianza e controlli della Polizia locale e forze dell’ordine non sembrano essere chissà che deterrente e così il sindaco, che aveva detto di essere pronto a mettere dei cancelli, ieri ha emesso un’ordinanza che di fatto è come si li avesse messi. 
 

LA STRETTA
Da oggi e fino al 30 settembre, in Campo della Marta sono vietati l’accesso e lo stazionamento di persone in tutti i giorni della settimana, dalle 22,30 fino alle 6 del mattino, salvo manifestazioni autorizzate dal Comune. La violazione comporta una sanzione che va dai 75 ai 450 euro. «Nel periodo estivo Campo della Marta diventa luogo di ritrovo a partire dalla tarda serata, di persone che in maniera poco rispettosa della vivibilità e fruibilità del parco da parte della collettività, mantengono comportamenti poco consoni alla tutela della quiete cittadina e all’ordinata fruizione dello spazio pubblico, emettendo urla e schiamazzi ripetuti e continui, oltre che utilizzando apparecchi di riproduzione sonora ad alto volume, ovvero deturpando o insozzando il suolo pubblico e le strutture comunali a servizio della collettività quali bagni pubblici e struttura dell’anfiteatro - si legge nel documento firmato dal sindaco -. Si è ritenuto pertanto di dover porre in essere azioni per tutelare la quiete pubblica e il decoro urbano, preservare l’ambiente e nel contempo contribuire a creare le condizioni affinché vi sia maggiore garanzia di una ordinata e pacifica fruizione del parco pubblico, con modalità che favoriscano la socializzazione e lo svago delle persone che si ritrovano a frequentare detta area». Sempre per la quiete pubblica, una ulteriore ordinanza, in vigore dal 1 al 9 giugno, nelle aree del centro storico di Cittadella, nelle quattro rive ed in via Verdi nel tratto tra via Scamozzi e Riva IV Novembre, riduce la diffusione esterna della musica sia dal vivo che riprodotta. Silenzio dalle 23 alle 7, dalla domenica al giovedì e dalle 23,30 e fino alle 7, al venerdì e al sabato. Deroghe in caso di manifestazioni e grandi eventi autorizzati. «E’ una prova - conclude il sindaco - Se gli operatori si comporteranno bene torneremo al vecchio orario con un’ora in più, in caso contrario la riproporrò». 
 

LE SANZIONI
Molto pesanti le sanzioni: da un minimo di 2mila euro ad un massimo di 20mila euro. Nei casi di reiterata inosservanza dell’ordinanza, può essere disposta dal questore di Padova l’applicazione della misura della sospensione dell’attività per un massimo di 15 giorni. 

 

Ultimo aggiornamento: 30 Maggio, 07:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci