Investito mentre attraversa la strada davanti a casa: è gravissimo

Mercoledì 26 Agosto 2020

VIGODARZERE - Incidente gravissimo stamane, mercoledì 26 agosto, in via Ca' Pisana a Vigodarzere. Un 69enne è stato investito mentre attraversava la strada al ritorno dalla spesa. È stato portato in ospedale in condizioni disperate.

G.S. stava rientrando nella sua abitazione dopo aver parcheggiato la sua auto in via Falcone, a pochi metri di distanza, e mentre attraversava la strada è stato travolto da una Fiat Sedici, guidata da un uomo, che proveniva da Saletto. L’impatto che è stato molto violento: G.S. è stato urtato con la parte anteriore destra dell’auto, ha sbattuto il capo sul parabrezza, sfondandolo, ed è poi piombato sul marciapiede, proprio davanti al cancelletto dell’ingresso del suo condominio. Il 69enne è caduto a terra ed è rimasto privo di coscienza fino all’arrivo dei medici dell’ambulanza del 118 e poi anche dei colleghi dell’auto medica che hanno cercato di rianimarlo. Le sue condizioni sono immediatamente state giudicate disperate ed è stato trasportato all’ospedale di Padova dove è ricoverato in fino di vita. G.S. vive da sempre nell’appartamento di via Cà Pisani ed è titolare di una ditta di autotrasporti. Ieri mattina l’uomo stava rientrando a casa dopo essere stato al supermercato: lo si è capito perché insieme a lui è volata in aria anche la borsa delle spesa che teneva in mano con tutto quello che aveva appena acquistato. Sparpagliate in strada anche le scarpe che indossava e li occhiali da vista. I rilievi sono stati eseguiti dai vigli di Vigodarzere. I primi a scendere in strada sono stati proprio i suoi vicini di condomini, attirati dal forte botto sentito. «E’ stato un colpo tremendo, mi vengono ancora i brividi se ci penso. Sono subito corsa fuori a vedere – racconta una donna – e Staibano, che noi chiamiamo Rino, era per terra, immobile, con del sangue sul viso. Me lo sentivo che prima o poi capitava un incidente perché qui non ci sono strisce pedonali, le auto corrono forte e manca qualsiasi segnaletica». Rincara la dose anche la figlia della donna: «i dossi non si possono metter perché è una provinciale, ma abbassare i limiti e mettere qualche segnalatore luminoso perché le auto vadano piano credo sia fattibile». Sul posto è arrivata anche Elisa Cavinato, assessore all’ambiente. «L’incidente conferma che è urgente mettere in campo strumenti e iniziative per limitare la velocità dei veicoli, non solo nei centri abitati, e mettere in sicurezza pedoni e ciclisti. Penso a dissuasori, attraversamenti pedonali protetti, strumenti di controllo della velocità. Mi farò sicuramente portavoce delle richieste raccolte dai cittadini con la giunta comunale, che so essere sensibile a queste problematiche sollecitando un rapido intervento e la redazione di un progetto complessivo che metta in sicurezza tutta la viabilità comunale».

Ultimo aggiornamento: 15:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA