Vacanze finite: montagne di rifiuti abbandonate dai turisti in Agordino

Vacanze finite: montagne di rifiuti
abbandonate dai turisti in Agordino
AGORDO - Cumuli di rifiuti abbandonati lungo le strade dell'Agordino, tanto nelle piazze dei centri che nelle immediate periferie. Un autentico scempio quello lasciato dai turisti nell'intera Vallata:  hanno disseminato il territorio di ogni tipo di immondizia.
 
 


Molti di loro mettono sotto accusa il nuovo sistema di raccolta differenziata che non li avrebbe agevolati; qualcuno sostiene addirittura di essersi visto respinto dall'ecocentro, dopo aver tentato intuilmente di deporre i sacchetti prima della partenza. Ma sia l'Unione montana che la Valpe (la società incaricata della raccolta), respingono le accuse, anzi: «Erano stati messi sull'avviso, sia per le modalità del conferimento  che sulle date di raccolta». E il risultato, in questi giorni, è sotto gli occhi di tutti.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 9 Gennaio 2018, 02:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Vacanze finite: montagne di rifiuti abbandonate dai turisti in Agordino
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 78 commenti presenti
2018-01-12 15:43:21
Possiamo scrivere di quello che vogliamo ma le foto sono lapidarie. I bidoni non erano in numero e dimensioni sufficienti! Sono proprietario non residente e pago la Valpe tutto l'anno per la raccolta del periodo di Natale ed agosto e nel mio comprensorio la situazione era proprio quella della foto bidoni piccoli e strapieni circondati da sacchetti! Perché dovrei portarmeli a casa? Il servizio lo pago e la Valpe lo adegui in previsione di certi momenti critici dell'anno ! A vergognarsi devono essere loro!
2018-01-10 16:02:27
I turisti pagano l'imposta di soggiorno, i proprietari di seconde case pagano l'IMU (e chi la paga sa bene quanto!) e la TARI, quindi la coscienza sporcanon l'hanno loro. E non è corretto dire che sono loro a sporcare, come avviene a Roma (su Napoli preferisco sorvolare!). Conosco molto bene Roma ed è vero che esistono cittadini incivili che abbandonano rifiuti in strada a cuor leggero (come so bene che simili personaggi esistono nel bellunese ed in tutte le città del nord), ma la realtà che la stragrande maggioranza dei romani fa correttamente la raccolta differenziata da anni, poi però i cassonetti stradali vengono svuotati e tutta la spazzatura rimischiata indifferentemente. Ora il problema a Roma è nato perchéè stata chiusa la discarica di Malagrotta (che avrebbe dovuta essere chiusa almeno 20 anni fa) e non sono stati costruiti impianti alternativi di trattamento dei rifiuti, inoltre spesso l'azienda incaricata non svuota i bidoni quando previsto. Colpa del normale cittadino romano? Conosciamo i fatti, usiamo onestà intellettuale e non facciamo del qualunquismo, per favore! E ui nel bellunese, rimbocchiamoci le maniche e lavoriamo tutti per il bene del noatro territorio. E la Valpe ascolti i cittadini e sia lungimirante, se è intelligente! Ma lo sarà...? Mah...
2018-01-10 09:27:46
Valpe, era più semplice ed onesto ammettere che ha (avete) sbagliato! sbagliare è umano ma lei persevera convinta di avere la verità assoluta in mano. BRAVA!!!
2018-01-10 09:25:05
...ehi comuni del picchio...siamo località di montagna ...località turistiche...vogliamo la gente e non diamo servizi ne a chi arriva ne a chi ci abita...Aprirsi mentalmente ragazzi puliamo le strade miglioriamo i marciapiedi servizio di raccolta rifiuti....ehi provincia di Belluno ...vogliamo autonomia gestire la montagna e pretendiamo che chi viene nei nostri paesi s porti poi a casa le loro immondizie...Siamo penosi ...
2018-01-10 07:50:58
I turisti nell'Agordino,e altrove,oltre ai rifiuti avranno lasciato anche qualche soldino sotto forma di "tassa di soggiorno" ,che dovrebbe comprendere anche lo smaltimento dei rifiuti.Penso che alberghi,ristoranti pensioni ecc. abbiano anche guadagnato per la presenza di questi"barbari" pertanto non vedo di che lagnarsi.Se poi i rifiuti vengono lasciati in giro , si facciano controlli e multe.