Il “treno delle dolomiti” tornerà: 10 anni per ripristinare Calalzo-Cortina

Lunedì 17 Luglio 2017
74

BELLUNO - Dieci anni. Tanto sarà necessario, secondo il presidente della Regione Veneto Luca Zaia per ripristinare il collegamento ferroviario fra Calalzo di Cadore (Belluno) e Cortina d'Ampezzo (Belluno). Il tracciato dovrebbe prender vita sulla sede della vecchia linea del «Treno delle Dolomiti». Zaia ne ha parlato oggi, a Belluno, illustrando le due ipotesi progettuali allo studio, il primo con un tracciato attraverso la Valle del Boite, il secondo con un percorso più lungo e che lambisce la base delle Tre Cime di Lavaredo. I costi preventivati oscillano fra i 715 ed i 745 milioni di euro. Il sistema consentirebbe di collegare Venezia a Cortina in poco più di due ore.

Il tracciato ferroviario della Val Boite avrebbe una lunghezza di 33 km, un tempo di percorrenza stimato in 40 minuti e 5 fermate (Valle - Vodo - Borca San Vito - Cortina Centro). Il percorso della Val d'Ansiei sarebbe lungo invece 48 km, servirebbero 58 minuti per effettuarlo e 7 fermate (Domegge - Lozzo - Cima Gogna - Auronzo - Tre Cime - San Marco - Cortina Centro).


Il Presidente ha precisato che entro la fine del mese di settembre la Regione intende chiudere la fase di consultazione con il territorio, raccogliendo tutti pareri, facendo sintesi e decidendo su quale dei due tracciati proseguire con le successive fasi progettuali.
 

Ultimo aggiornamento: 18 Luglio, 13:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA