Giovedì 18 Aprile 2019, 10:36

Profughi accolti in coop e in parrocchia: la vita da ricchi dei tre spacciatori

Lambioi Beach a Belluno, il luogo dove i profughi africani gestivano lo spaccio
BELLUNO Avevano trovato il loro posto magico i tre profughi africani sbarcati in Italia, qualche anno fa, e accolti a Belluno. Per chi scappa dalla guerra e dalla miseria quel posto magico potrebbe essere la struttura di accoglienza con vitto e alloggio gratis e 2 euro e 50 al giorno. Ma per loro no. Non era abbastanza. I tre profughi arrestati martedì mattina dalla Squadra Mobile di Belluno volevano essere ricchi. E per un periodo ci sono riusciti. Nema Sherif Hadara, 29enne senegalese accolto alla cooperativa di Via Vittorio Veneto, Amadou Koma, 22enne gambiano, accolto in una struttura della coop in via Silonghe a Sedico e Lamine Faty, 35enne senegalese accolto in una parrocchia in città, avevano creato, dal nulla, una frequentatissima piazza di spaccio a pochi passi dal centro di Belluno. Quello era per loro il posto magico: il boschetto vicino alla spiaggia sul Piave, Lambioi Beach, dove avvenivano le cessioni di droga.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Profughi accolti in coop e in parrocchia: la vita da ricchi dei tre spacciatori
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2019-04-19 15:42:34
Secondo alcuni, si sono effettivamente integrati. Anche troppo.
2019-04-19 14:07:39
e; INUTILE ANCHE PARLARNE, di questa gentaglia ne siamo piene,strapieni. e tanti disgraziati continuamo ancora a volerne. sarebbe ora di mandarne molti in africa.
2019-04-19 09:29:53
E c'è pure un prete che fa sciopero della fame a favore dell'accoglienza di questi edificanti personaggi.... quando non li usano per altri scopi personali come si legge dalle cronache!!!
2019-04-18 18:31:35
Bisogna iniziare a dare un po di responsabilità a chi li ospita. Non possono chiamarsi fuori e dire io non sapevo nulla . Se affitto un appartamento ad una squillo e lei esercita il suo mestiere a mia insaputa finisco comunque in mezzo ai guai . Non vedo perché non debba succedere la stessa cosa con queste cooperative.
2019-04-18 19:02:43
Non dimenticare le innumerevoli parrocchie gestite allo stesso modo e con gli stessi intenti delle coop! Il tutto per far fessi gli italiani con "parabole" recitate da attori politici e non estremamente compiacenti!