Giro d'Italia da Belluno alla Marmolada: le strade chiuse, i bus gratis e dove parcheggiare

Sabato 28 Maggio 2022 di Davide Piol
AlcunI ragazzi che ieri pomeriggio hanno partecipato a Belluno alla gincana per il Giro d'Italia

BELLUNO - Erano stati messi in conto con largo anticipo e finiranno già nel pomeriggio. I disagi legati alla viabilità, che sarà paralizzata a causa del Giro d’Italia, spaccano in due il capoluogo. «Sicuramente potevamo rinunciare al Giro ed evitarci problemi – ha spiegato il sindaco Jacopo Massaro – Tuttavia è una vetrina importantissima dal punto di vista turistico per la nostra città, per la nostra provincia, per i nostri prodotti e per i nostri produttori. Ventiquattro ore di disagi sono ampiamente ripagati dai benefici economici, sportivi e turistici». I mezzi del Giro d’Italia sono parcheggiati a Lambioi, l’unico spazio in grado di accoglierli, e questo ha riversato gran parte delle auto nel parcheggio dell’ospedale (riempendolo). «Ci sono i parcheggi fuori dal centro, quelli periferici – ha continuato Massaro – sabato (oggi, ndr) ci sono gli autobus gratis, inoltre ci si può spostare a piedi o in bici. Arrivare da Cavarzano o da Baldenich verso il centro a piedi o in bici è meno faticoso che arrivare da Busto Arsizio al Duomo di Milano o da Guidonia a piazza del Parlamento a Roma. Per una volta si può fare». 

I COSTI
Criticità sono state sollevate dai cittadini sul costo del Giro d’Italia per il quale Palazzo Rosso «non ha speso un euro in più di quanto spende ogni anno per eventi sportivi, eventi turistici e asfaltature» e sulle asfaltature ad hoc: «Gli asfalti che da due mesi vengono fatti in città sono finanziati con il bilancio 2021 – ha risposto il primo cittadino – In Comune non abbiamo un indovino che riesce a prevedere che l’anno successivo il Giro d’Italia passerà per Belluno, né che passerà esattamente in quelle strade. Piuttosto: avete mai pensato che quando il Giro d’Italia passa in una città l’organizzazione chiede al Comune quali sono le strade che ha in programma di asfaltare in modo da far passare gli atleti proprio su quelle?». Di seguito le modifiche alla viabilità del capoluogo. Piazza dei Martiri, piazza Vittorio Emanuele II, via Roma: divieto di transito e di sosta con rimozione forzata dei veicoli fino alle 19. Piazza Duomo, piazza Castello, via Matteotti: divieto di transito e di sosta fino alle 15. Piazza Santo Stefano, via Simon da Cusighe, via Rialto, piazza Mercato, via Mezzaterra: divieto di sosta fino alle 14, divieto di transito fino alle 13.30. Parcheggio Lambioi: divieto di sosta fino alle 14 e di accesso al parcheggio fino alle 13.30. Viale dei Dendrofori (nel tratto compreso tra la piscina e la galleria Belluno), ponte Bailey, Galleria Belluno, via Buzzati panoramica, via Alzaia, ponte della Vittoria: divieto di transito dalle 9 alle 13.30 del 28 maggio (eccezione fino alle 10 solo per gli autobus in servizio extraurbano). Viale dei Dendrofori (nel tratto compreso tra la piscina e l’incrocio con via Feltre): dalle 9 alle 13.30, transito consentito solo per parcheggio, fino a esaurimento di posti disponibili, terminati i quali i veicoli potranno percorrere il tratto solamente nella direzione centro-periferia, e ai residenti in via Sottocastello. Via Uniera dei Zater, via Caduti, Ponte San Felice, via del Piave, via San Lucano, via Sant’Andrea, via 30 aprile, porta Dante, porta Dojona: divieto di sosta dalle 5 alle 14 e divieto di transito dalle 6 alle 13.30. Piazza Piloni, via Zuppani: divieto di sosta e di transito dalle 5 alle 14. 
LA RIAPERTURA
In tutte le strade lungo il percorso di tappa, sarà in vigore il divieto di transito per tutta la giornata fino al passaggio del veicolo con il cartello “fine gara”. Chiusi, ma ancora da ieri, i passi San Pellegrino, Pordoi e Fedaia.
 

Ultimo aggiornamento: 08:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci