Domenica 13 Gennaio 2019, 14:19

L'incubo di perdere casa a 70 anni: «La vogliono abbattere per rettificare la curva maledetta dell'Alemagna»

PER APPROFONDIRE: alemagna, esproprio, giuliano tinelli
L'incubo di perdere casa a 70 anni: «La vogliono abbattere per rettificare la curva maledetta dell'Alemagna»

di Giuditta Bolzonello

VALLE DI CADORE - Giulia e Giuliano Tinelli vivono la peggior stagione della loro vita. La coppia, che ha superato da tempo i 70 anni, è proprietaria della porzione di casa che Anas esproprierà, per demolirla. Va abbattuta al fine di rettificare una delle curve più pericolose di Valle di Cadore, in vista del lavori di miglioramento della statale di Alemagna. Si perché, se la famigerata curva di Palazzo Costantini non sarà più un problema, con la variante infatti il traffico non passerà più per l'antica frazione di Costa, resta da risolvere il transito nella strettoia della curva a ridosso della macelleria. La decisione maturata dai progettisti è solo una: demolire. In pratica tagliando una fetta di edificio si allarga ed ammorbidisce la traiettoria rendendo più dolce curvare. Fin qui l'inizio della vicenda che tocca la famiglia che lì vive. Anas, la scorsa primavera, ha informato della procedura di esproprio i Tinelli e i
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
L'incubo di perdere casa a 70 anni: «La vogliono abbattere per rettificare la curva maledetta dell'Alemagna»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-01-15 09:35:34
In questi casi raramente viene proposto un servizio "chiavi in mano" tipo una casa equivalente per dimensioni e localizzazione, magari da scegliere tra tre o quattro possibilità. Ti riconoscono un corrispettivo spesso insufficiente all'acquisto di una nuova casa, e comunque devi "sbatterti" in un meandro di pratiche e scartoffie come da tradizione italiana. Oltre all'aspetto meramente economico, non trascurabile e' il risvolto psicologico della eradicazione di una coppia ultrasettantenne dalla loro dimora storica. Con l'eta' infatti il luogo di residenza abituale assume connotazioni di "luogo sicuro" molto forti e molto importanti per lo stato dell'umore complessivo dei soggetti.
2019-01-14 08:21:11
Vanno risarciti in base al volre commerciale attuale dell'immobile e trasferiti in un appartamento/ casa che li possa serenamente accogliere per sempre. Punto. Poi si demolisce e si fanno crescere le infrastrutture.
2019-01-14 08:10:31
la statale passa nel bel mezzo della case che sono state costurite anche secoli fa quando i ltraffico era costituito da poche carrozze a cavallo: o fai una tangenziali fuori dal paese (no, non si può fare, si deturpa il paesaggio!!!) o blocchi il traffico pesante (no, non si può fare, l'economia che già ristagna ne risentirebbe!!!) o allarghi la strada (riducendo il diritto di proprietà di pochi e deboli (c'è anche da dire che quelle case non sono oggetto di grande manutenzione, quanto durerebbero da sole?)
2019-01-14 07:28:24
E se muore qualcuno perche' i vecchini impediscono l'abbattimento, se lo portano sulla coscienza ? Mica li mettono in mezzo alla strada. Certo, va verificato se la soluzione proposta non li danneggi ulteriormente (chesso', se li spostano a 10 km di distanza in mezzo alla campagna)
2019-01-14 00:05:54
Ma moderare la velocita no vero?Troppo difficile!O creare dei dossi artificiali... Il senso civico dei veneti! Meglio buttar fuori due persone che in quella casa ci hanno passato la vita!!!!!