Cervo intrappolato dal ghiaccio, trovato morto sul lago di Auronzo

Martedì 12 Gennaio 2021 di Yvonne Toscani
I vigili del fuoco recuperano il cervo morto sul lago di Auronzo

AURONZO Tanta tristezza avvolge il ritrovamento del cervo morto nel lago di Auronzo. Ieri, attorno a mezzogiorno, i vigili del fuoco sono intervenuti sulle rive del bacino di Santa Caterina, per recuperare l’animale, vittima della trappola mortale del ghiaccio. I pompieri, arrivati da Belluno con il personale saf (speleo alpino fluviale), coadiuvati dai volontari di Auronzo, hanno raggiunto l’animale e l’hanno legato. Una volta recuperato, lo hanno portato a riva. Continuano le discese degli animali verso il fondovalle dei vari territori. Anche in Comelico sono continui gli avvistamenti, soprattutto, di cervi che si fermano lungo i corsi d’acqua. La scorsa settimana, per esempio, era accaduto a Presenaio, dove una cerva è rimasta, in un andirivieni, nei pressi del Piave per un paio di giorni.


350 INTERVENTI ANTI-NEVE
Nel frattempo proseguono, senza sosta, le operazioni per asportare la neve dai tetti, dalle strade e dai marciapiedi, nella consapevolezza che la stagione invernale è ancora lunga e che altre abbondanti nevicate potrebbero verificarsi. Intanto, ieri, tra Agordo, Santo Stefano e Pieve di Cadore gli interventi dei vigili del fuoco sono stati 25, che portano a 300 le azioni complessive effettuate, per la dama bianca, dai pompieri. Nel comune comeliano le vie pubbliche di competenza di Palazzo Alfarè sono state sgomberate. Pertanto, in base a una nota diffusa dal sindaco, Oscar Meneghetti, i privati cittadini che intendano, da ora in poi, asportare il manto bianco dai tetti delle proprie abitazioni dovranno provvedere autonomamente alla rimozione di eventuali accumuli a terra, sulle strade pubbliche o sui marciapiedi. Inoltre il mercato settimanale di Santo Stefano lunedì è “saltato”.

Ultimo aggiornamento: 13 Gennaio, 08:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA