Rom incinte in trasferta da Roma a Milano: «Lì è più facile compiere furti ed evitare l'arresto»

PER APPROFONDIRE: donne, furti, incinte, milano, rom, viaggi
Rom alla stazione Termini
Vanno in treno da Roma a Milano per rubare. Migrazioni di donne rom incinte o con figli piccoli verso il capoluogo lombardo dove sarebbe più facile evitare l'arresto: è un fenomeno, riferiscono ambienti della Polizia Ferroviaria, che viene monitorato con attenzione perché comincia a ripetersi con una certa frequenza. L'ultimo episodio risale a ieri mattina: alle 12.20 da un Frecciarossa in sosta alla Stazione Centrale sono scese in tutta fretta alcune donne dopo aver compiuto un furto ai danni di un viaggiatore e hanno cercato di far perdere le loro tracce attraversando i binari. Solo la prontezza di riflessi del macchinista di un treno Italo in arrivo, che ha impresso una brusca frenata al convoglio, ha evitato che si verificasse una tragedia. Dopo l'intervento delle forze dell'ordine, due componenti del gruppo sono state fermate per furto, altre tre per violazione dell'art.340 del codice penale (interruzione di pubblico servizio con l'attraversamento dei binari). Sono in corso indagini per arrivare a identificare tutte le donne che si trovavano a bordo del Frecciarossa.

Roma, la gravidanza non salva le rom: «In carcere le borseggiatrici»



Le migrazioni da Roma si verificano a gruppi di 10-15 donne: il capoluogo lombardo sarebbe stato eletto a destinazione privilegiata perché a Milano sarebbe stata emanata una circolare della Procura che stabilisce di non procedere alla formalizzazione dell'arresto se le persone fermate sono incinte o hanno figli in tenera età. Si verifica quindi il caso di donne, con a carico cumuli di pena anche di 8 o 10 anni di reclusione per diversi reati, che vengono rilasciate dopo il fermo sulla base di questo provvedimento ispirato alla tutela prevalente dei figli minori. Logico quindi, ragionano fonti inquirenti, che la città sia considerata una meta preferibile ad altre per tentare di compiere furti e altri reati di microcriminalità.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 23 Giugno 2019, 11:17






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Rom incinte in trasferta da Roma a Milano: «Lì è più facile compiere furti ed evitare l'arresto»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2019-06-23 19:12:52
il macchinista dell'italo ha evitato la tragedia.... ma non capisco....di quale tragedia parlate?
2019-06-23 18:08:48
Effetti del buonismo che attira i delinquenti come mosche al miele.
2019-06-23 15:56:28
Hanno avvocati al loro servizio a tempo pieno, pagati coi soldi di furti, rapine e borseggi. Non diversi dai commercialisti che indicano agli evasori come evadere gli obblighi fiscali, pagati coi soldi dell'evasione
2019-06-23 14:03:56
Ma com'e' possibile che donne zingare si trovino a bordo di un Freccia rossa nel lungo tragitto da Roma a Milano senza che i controllori controllino?
2019-06-23 14:01:32
Logico a Milano devono finire le indagini su Berlusconi e le Olgettine..quelle son indagini che portano successo. le rom invece vanno protette categoria disagiata .. fanno pena in america giudici simili non esisterebbero!!!!!!!