Vitalizi, alla Camera blitz dopo Pasqua: M5S vuole isolare Forza Italia

PER APPROFONDIRE: assegni, governo, tagli, vitalizi
Vitalizi, pronto il piano per i tagli
Ora si può. Come ha detto Luigi Di Maio: «I vitalizi non hanno scampo!». Il nuovo Ufficio di presidenza di Montecitorio non è ancora operativo, e quindi deliberante, ma i Cinquestelle hanno le idee chiarissime sui primi provvedimenti da siglare: l'abolizione dei vitalizi.

Ora ci sono i numeri e le condizioni politiche per approvarla senza passare dall'Aula. Vediamo il pallottoliere: l'elezione di Fraccaro con i voti leghisti fa ben sperare, FdI è pure sensibile al tema poiché Giorgia Meloni ha condotto una lotta senza quartiere alle pensioni d'oro, il Pd si è fatto promotore di una sua legge, salvo poi affossarla in Senato. Manca Forza Italia che da sola potrebbe costituire, ma senza successo, un ostacolo al provvedimento. Il partito di Silvio Berlusconi, oltre quindi al suo leader, rappresenta secondo il M5S «un argine al cambiamento». Tradotto: la delibera sui vitalizi ha un doppio obiettivo, quello di lanciare ovviamente un segnale di sobrietà operativa da parte di Di Maio (ieri è sfrecciato su un'utilitaria grigia) e quello di isolare i forzisti. Il vicepresidente azzurro della scorsa legislatura, Simone Baldelli, si dichiarò totalmente contrario alla proposta pentastellata. In Aula disse provocatorio: «Se qualcuno considera il vitalizio un furto legalizzato io dico di codificarlo come reato». Ora, dopo il 4 marzo chi dirà che abolire i vitalizi è demagogia? E infatti vanno lette in questa direzione le prudenti parole del forzista filoleghista Giovanni Toti ieri: «Se si facesse una riduzione dei vitalizi, come quella passata nella scorsa legislatura alla Camera, io non la vedrei di mal occhio, sarebbe un provvedimento che riavvicina politica e opinione pubblica». E pure Mara Carfagna, neovicepresidente della Camera, ha annunciato che devolverà la sua indennità «per sostenere le battaglie per le donne, per i minori, per la famiglia, per i disabili».
Martedì verrà eletto l'ultimo componente, un segretario, in quota Gruppo misto. Poi, per i vitalizi ci saranno davvero le ore contate. A seguire Fraccaro presenterà la delibera In questo momento di stallo il Movimento vuole dimostrare che non si starà con le mani in mano e che inizierà a governare il cambiamento di cui si è fatto portavoce.
Il la lo ha dato proprio Roberto Fico che si è tagliato l'indennità di funzione e sta già compilando un dossier su trasparenza, risparmi e Giunta per il regolamento.

LEGGI ANCHE: Costi della politica, nel mirino 2.600 assegni: tagli spot per 70 milioni

E anche se un governo non c'è, in qualcosa il M5S vuole dimostrare di potersi cimentare. Alla Camera vige l'autodichia, ovvero l'autogoverno. Significa che all'interno del perimetro amministrativo di Montecitorio è il presidente Fico a decidere come disciplinare vita, attività e spese del palazzo.

Breve storia dei vitalizi: la battaglia del M5S inizia nel 2014 con un ordine del giorno al bilancio della Camera. Bocciato. Nel 2015 ci riprovano con un emendamento alle riforme costituzionali. Bocciato. Nello stesso anno viene riproposto un nuovo ordine del giorno. Viene dichiarato inammissibile. Nel 2016 ecco due ordini del giorno leggermente diversi ma vengono dichiarati inammissibili. Il 22 marzo 2017, presentano un'ultima delibera di adeguamento alla legge Fornero per evitare lo scatto delle pensioni a 60 anni con soli 10 anni di contributi. Non è stata né discussa né votata perché Boldrini disse che doveva andare in aula. Poi ci fu l'abbinamento della proposta di legge Lombardi (M5S) a quella di Richetti (Pd) e si è finiti col dare precedenza a quest'ultima approvata alla Camera e affossata in Senato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 30 Marzo 2018, 13:10






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Vitalizi, alla Camera blitz dopo Pasqua: M5S vuole isolare Forza Italia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 20 commenti presenti
2018-03-31 12:00:56
Chiaramente sono contento che finalmente si muovino per appianare certe ingiustizie. Pero' allo stesso tempo sono schifato da chi siede in parlamento da anni e malgrado l'insofferenza del popolo di fronte a certi sorprusi ha sempre attinto a piene mani. Ci voleva M5S per dare al popolo una cosa giusta e sacrosanta ? Si . Ci voleva .Diciamola tutta
2018-03-31 10:24:02
A proposito delle concessioni riservate ai nostri Parlamentari un paio di giorni fa ho letto su un noto Quotidiano italiano che il Presidente del Senato, l’On. Maria Elisabetta Casellati, di FI, rinuncerà ai voli di Stato. Un gesto apprezzabile di fronte al fenomeno diffuso della Povertà. A mio giudizio è giusto far presente che l’On. Roberto Fico, del M5S, oltre a non utilizzare i voli di Stato, ha già rinunciato all’indennità di Presidente della Camera dell’importo di oltre 4.000,00 Euro netti mensili, all’auto blu, al vitalizio e continuerà a versare nel Fondo in favore delle piccole e medie imprese italiane, come tutti gli Onorevoli Deputati e Senatori del M5S, una parte significativa del proprio compenso mensile.
2018-03-31 07:49:40
Intanto sarebbe il caso di formarlo questo governo, perchè non possiamo permetterci di rimanere in questo limbo ancora a lungo. Di norma il governo lo forma chi vince le elezioni, e qui bisogna dimostrare di saper governare dopo tanto bla bla. Sono d'accordo che non devono essere varate forme assistenzialistiche, le varie casse del mezzogiorno devono rimanere un vergognoso ricordo storico. Ho comunque forti dubbi che possiamo permetterci il reddito di cittadinanza, rischiamo stavolta veramente di andare in default come la Grecia e dopo si salvi chi può. Con la disoccupazione che abbiamo in Italia non è possibile erogarlo: cos'è tutti vanno a far lavori socialmente utili e chi va a lavorare"normalmente"?
2018-03-31 13:43:55
abbi pazienza. Gli accordi Lega M5S erano stati gia' fatti prima delle elezioni. Se guardi bene Salvini non ha mai attaccato M5S e M5S non ha mai attaccato la Lega. Stanno solo aspettando di mettere da parte Berlusconi e ci sono vicini
2018-03-30 22:22:13
Meglio dare i soldi alle aziende che li fanno lavorare!...